18 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 16.10
Palermo

In scena al Biondo fino al 18 febbraio

Classicismo e modernità nella riscrittura del “Tamerlano”. L’intervista al cast prima del debutto [VIDEO]

10 febbraio 2018

 

Nell’ultima stagione dei cammini Tamerlano si trova morente, ai piedi di un albero, a rievocare la gloria e lo splendore delle conquiste con un atroce dubbio che, per la prima volta, si insinua nella sua carne.

Vincenzo Pirrotta

A vestire i panni del guerriero, nella riscrittura del testo realizzata da Luigi Lo Cascio che firma anche la regia, al debutto in anteprima nazionale al Teatro Biondo di Palermo, è Vincenzo Pirrotta che, sulla scena, non si risparmia nell’incorporare la crudeltà.

Intorno a lui ruotano vicende e contraltari della storia originale che, nel ripercorrere più o meno fedelmente nel primo atto le tracce originali dell’opera di Marlowe, vira nel “contemporaneo” nel secondo atto.

In un impianto scenico raffinatissimo (Nicola Console e Alice Mangano) che alterna luci (Cesare Accetta), ombre e ambientazioni con lo scorrere di pannelli e strutture da ogni direzione, un racconto circolare fa coincidere l’inizio della storia di Tamerlano con la sua fine.

Tamerlano - Pirrotta Cacciatore

In mezzo ci stanno le straordinarie conquiste dell’eroe visionario, l’amore per Zenocrate (Lorena Cacciatore), i figli, orgoglio e rovina dello stesso guerriero, e a chiusura la contemporanea riflessione sulla guerra, declamata da Gigi Borruso, e contestualizzata nei segni che la città di Palermo ancora riporta.

Se il testo di Lo Cascio si caratterizza per poeticità ed eleganza, con citazioni colte che vanno da Borges a Hobbes, è negli intermezzi dialettali che la riscrittura pecca in organicità con il resto, per quanto le interpretazioni dell’intero cast (Tamara Balducci, Giovanni Calcagno, Paride Cicirello, Marcello Montalto, Salvatore Ragusa, Fabrizio Romano) siano di elevato livello professionale.

Non di meno la scelta delle musiche originali, curate da Andrea Rocca, sempre di gentile accompagnamento alla recitazione e in grado di conquistare l’attento pubblico in sala che, tra i tanti applausi a scena aperta, manifesta apprezzamento per l’intera messa in scena.

Prima del debutto abbiamo intervistato il regista, Vincenzo Pirrotta e Lorena Cacciatore; lo spettacolo replicherà a Palermo fino al 18 febbraio e, dal 14 al 18 marzo, verrà ospitato dal Teatro Verga di Catania.

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA IN ALTO.

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...