21 settembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 18.25
Palermo Argiroffi, Craparotta e Forello sul palco. Gelarda in stand by. Di Pasquale si ritira

Comunarie 5 stelle a Palermo, la graticola è sotto tono. La parola torna al web [Gallery]

10 gennaio 2017

 

La luce rimane accesa in sala, la platea si ricompone in un unico istante. Il caso delle firme false è alle spalle. Se non proprio dimenticato, accantonato. Il confronto tra i candidati a sindaco delle Comunarie del M5S di Palermo  decolla qualche minuto dopo le otto di sera. Né puntuale, né in ritardo. Scorrono sul palco  del cinema De Seta, ai Cantieri culturali della Zisa i tre protagonisti. Ugo ForelloGiulia Argiroffi e Giancarlo Craparotta rimangono seduti, uno accanto all’altro . A turno guadagnano il centro della scena. Affrontano il punto indefinito davanti a loro che serve ad esorcizzare la paura e smorzare la tensione. Manca Tiziana De Pasquale, candidata scelta dal web, che ha deciso di ritirarsi qualche ora prima. Seduto in platea Igor Gelarda,  l’altro candidato,  poliziotto in attesa di aspettativa.  Il M5S apre la sua serata con sobrietà. Ritmo assicurato dalle risposte da dare in due minuti. Non si rumoreggia. L’attenzione è massima. Il giornalista de La Sicilia, Mario Barresi, chiamato a moderare, rappresenta uno dei primi casi in cui il movimento si apre ad un atto di fiducia nei rapporti spesso  complicati con la stampa.

I profili dei candidati scivolano brevemente  davanti al pubblico. Argiroffi , architetto palermitana, progettista che  ha lavorato con i profili tecnici  delle pubbliche amministrazioni, ama la bellezza e spera di ricostruire  Villa Deliella, uno dei simboli della Palermo saccheggiata urbanisticamente. Giancarlo Craparotta, ingegnere, esperto di rischio idraulico. Esperto di energie rinnovabili ed impianti fotovoltaici. Si occupa di microimprese nel turismo. Ugo Forello, avvocato. Noto il suo Impegno civile su lotta alla mafia ed al racket delle estorsioni. Fondatore di Addiopizzo che ha lasciato l’associazione per candidarsi. Motivazioni forti per tutti e tre i finalisti delle Comunarie  come si evince dai loro interventi. Per Forello: “il movimento è l’unica forza in grado di garantire una alternativa per Palermo. Quello che manca nella nostra città è una visione condivisa“.

I 3 candidati del M5S
Forello, Argiroffi e Craparotta

Craparotta  non ha dubbi sul fatto che “il movimento è un meraviglioso strumento di libertà“, mentre per Argiroffi “è  appassionante condividere e partecipare, essere ascoltati e riconoscersi in una parte  della comunità“. Il primo giorno da sindaco con  atti simbolici e sostanziali, il sistema da cambiare alla radice, i rifiuti, le battaglie sulla mobilità, la macchina burocratica del Comune di Palermo. Tutti spunti su cui i candidati vengono sollecitati. I tre grillini  impattano con le singole questioni.  A meno di un’ora dall’inizio viene comunicato che la diretta su Facebook ha messo insieme più di 2mila persone. La grande bellezza e la grande bruttezza di Palermo diventa uno dei temi su cui incalza Barresi, con Forello che cita Peppino Impastato: “La gente dovrebbe esser educata alla bellezza“. Il degrado a cui Palermo è assuefatta, è la cifra fatalistica da cui si deve uscire – dice Argiroffi – mentre Craparotta  si mette dalla parte dei bambini a cui è difficile spiegare  le cose che non vanno: “Risorse che  dovranno fare sistema per il rilancio di Palermo”. Poi si passa alle domande del pubblico.

I tre candidati  vanno abbattendo lo steccato iniziale di tensione. Entrano nel  merito delle questioni. Sono consapevoli del fatto che tocca a loro essere il primo filtro tra “la pancia” della protesta della gente e della base, e la scommessa  di provare a governare Palermo. Concorsi di progettazione, provvedimenti da adottare per migliorare  alcune zone come il polmone verde della Favorita, capacità progettuale e reddito dì cittadinanza. Periferie e borgate.  Questi alcuni temi.

La graticola si conclude dopo le dieci di sera. Né tardi, né presto. Chiude la serata Giancarlo Cancelleri, leader regionale del movimento che saluta e ringrazia i partecipanti.  L’avviso ai naviganti è stato lanciato. La parola adesso passa alla rete. E poi ai palermitani.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Uno dei migliori posti in circolazione
Carissimi, considerate un grande concorso che si svolge con periodica cadenza nel quale una pletora di candidati con il solo titolo di cittadinanza e diritti civili integri partecipa per la vincita di uno dei migliori posti di “lavoro” oggi in circolazione
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Sarà vero che chi parte non torna più?
E arriveranno i ricordi e le strade bagnate, come carezze gentili sulle strade di Brest. Sarà bello tornare ad essere abbracciati così per caso. Sarà bello abbracciare senza chiedersene la ragione.