17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.56

60 donate in tre mesi da Assoacconciatori

Confesercenti Sicilia, parrucche gratis alle donne col cancro

19 Marzo 2019

Ben 60 parrucche donate in tre mesi, con richieste da tutta la Sicilia. È il bilancio dell’iniziativa avviata a dicembre da Assoacconciatori e rivolta alle pazienti oncologiche. I professionisti della categoria, parte integrante dell’Area Produzione di Confesercenti Sicilia, guidata da Nunzio Reina, hanno incontrato e soddisfatto le richieste in base alle esigenze di ogni donna.

Donate anche le parrucche messe a disposizione da Daniela Carlino, nipote della titolare dello storico negozio di via Dante a Palermo.

“In questi tre mesi – dice Salvo Lo Coco, referente del progetto – abbiamo avuto la possibilità di regalare un sorriso, di dare una mano a chi sta attraversando un momento difficile della propria vita. Abbiamo valutato ogni caso e avviato la realizzazione delle parrucche in base alle necessità di ogni persona che si è rivolta a noi, con richieste anche dal Ragusano, da Enna e da Catania”.

“Siamo riusciti ad aiutare, nel nostro piccolo, donne di ogni età – sottolinea Nunzio Reina -. Un dovere nei confronti di chi sta lottando contro la malattia, ma non può permettersi di sostenere questa spesa. Siamo pronti ad accogliere nuove richieste per dare ancora una volta forza e sostegno alle pazienti oncologiche”. 

 

LEGGI ANCHE:

Confesercenti Sicilia, parrucche gratis alle pazienti oncologiche

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.