14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.29
Palermo

Da marzo a ottobre

Conservatorio Scarlatti: al via la nuova stagione. Il direttore Librizzi: “Guardiamo al futuro” | VIDEO

4 Marzo 2019

Guarda la video intervista in alto

Parola d’ordine per la Stagione 2019 del Conservatorio Alessandro Scarlatti di Palermo è “disegno organico“, ci tiene a sottolineare il direttore Gandolfo Librizzi che ha presentato, insieme al direttore Gregorio Bertolino, un ventaglio di attività e iniziative collaterali.

Questo vuole essere il conservatorio del futuro – ha detto Librizzi – oggi intercettando i filoni del contemporaneo che segnano la società stiamo scrivendo la storia di domani“.

Tante le iniziative, che al di là della stagione 2019 al via lunedì 4 marzo con un concerto al Teatro Massimo (ore 20.30) e oltre venti appuntamenti nel corso dell’anno fino ad ottobre, puntano al consolidamento di sinergie tra i principali enti culturali della città.

Dal restauro di alcuni luoghi simbolo del Conservatorio, al progetto “Musica Fuori“, una possibilità che porterà in giro per la città un “pianoforte ambulante“, dal docufilm che racconterà la storia di tre giovani migranti che adesso frequentano lo Scarlatti, realtà accademica singolare in Italia al momento, alla pubblicazioni di libri che testimonieranno l’attività trasversale del Conservatorio: sono tutti tasselli di un progetto ben più ampio iniziato negli scorsi anni e che, oggi, vede i primi frutti.

Tutto ciò ha, va da sé, attirato l’attenzione anche di altre città europee tanto che, il 7 marzo, una delegazione dell’ambasciata britannica verrà in visita in città per conoscere meglio questi progetti.

Gregorio Bertolino e Gandolfo Librizzi
Gregorio Bertolino e Gandolfo Librizzi

Vogliamo che il Conservatorio diventi attrattore culturale – ha continuato Librizzi – e che dialoghi con l’intera città“.

In quest’ottica ha già preso il via un altro progetto, “Conversatorio in Conservatorio“, una serie di incontri, come ci dice il Presidente nella video intervista, che fino a maggio proporranno temi non strettamente musicali ma legati alla cultura e alla bellezza in generale, “punto di arrivo della musica più alta“.

Altro punto su cui verterà l’attività dell’intero anno è la sinergia tra docenti e alunni che, sempre a maggio, si realizzerà nell’incontro con un uno degli autori simbolo della musica contemporanea italiana, Francesco Guccini; sui suoi testi, infatti, gli allievi dello Scarlatti lavoreranno nei prossimi mesi per una “rivisitazione” che verrà poi proposta allo stesso cantautore.

E poi,infine, da segnalare il progetto internazionale finanziato dal MIUR, che vedrà la collaborazione del Conservatorio con la Great Learning Orchestra di Stoccolma, sui temi della funzione sociale della musica (Community music) in contesti particolarmente sensibili per favorire processi di riappropriazione artistica e culturale.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.