20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.09
Palermo

la denuncia del consigliere comunale di Palermo

Conti Amat, Figuccia: “L’unica speranza per non ‘spennare’ i palermitani è quella di affidare l’azienda in mani capaci”

8 Maggio 2019

Dopo il quasi “de profundis” recitato qualche giorno fa al capezzale dell’Amat, improvvisamente adesso il moribondo è guarito, anzi gode di ottima salute”,  a dirlo Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc, che prosegue: “L’assessore Catania e il presidente Cimino annunciano urbi ed orbi e con sorrisi a 36 denti che la “nuova” Amat ha un capitale aziendale di 36 milioni di euro (un milione a dente, sic). Peccato, però, che solo l’altro ieri c’era un deficit di oltre 50 milioni”.

Sabrina FigucciaInsomma, se non siamo alle comiche poco ci manca. Sulle spoglie di quella che fu una gloriosa azienda capace di dare lavoro e offrire un servizio dignitoso, si sta consumando ora un triste balletto per cercare di rattoppare la voragine di debiti che l’Amat ha accumulato negli ultimi anni” prosegue la Figuccia.

Questi miracolosi 36 milioni, che naturalmente usciranno dalle tasche dei palermitani sotto forma di tasse, serviranno soltanto a pagare i debiti e non certamente a rilanciare l’azienda, il cui stato di salute cambia quotidianamente in base agli umori di amministratori ed assessori“.

L’unica speranza dei palermitani per avere un servizio di trasporto pubblico efficiente – conclude Sabrina Figuccia –  senza essere spennati è quella di affidare l’Amat in mani capaci, che sappiano affrontare i tantissimi problemi, ma soprattutto capaci di trovare le soluzioni più giuste. Un’impresa che, con gli attuali protagonisti, sembra quasi ai limiti della fantascienza…”.

 

LEGGI ANCHE:

In consiglio comunale il piano di risanamento Amat: preoccupazione per i conti dell’azienda

 

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.