20 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05
Palermo

la denuncia del consigliere comunale di Palermo

Conti Amat, Figuccia: “L’unica speranza per non ‘spennare’ i palermitani è quella di affidare l’azienda in mani capaci”

8 Maggio 2019

Dopo il quasi “de profundis” recitato qualche giorno fa al capezzale dell’Amat, improvvisamente adesso il moribondo è guarito, anzi gode di ottima salute”,  a dirlo Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc, che prosegue: “L’assessore Catania e il presidente Cimino annunciano urbi ed orbi e con sorrisi a 36 denti che la “nuova” Amat ha un capitale aziendale di 36 milioni di euro (un milione a dente, sic). Peccato, però, che solo l’altro ieri c’era un deficit di oltre 50 milioni”.

Sabrina FigucciaInsomma, se non siamo alle comiche poco ci manca. Sulle spoglie di quella che fu una gloriosa azienda capace di dare lavoro e offrire un servizio dignitoso, si sta consumando ora un triste balletto per cercare di rattoppare la voragine di debiti che l’Amat ha accumulato negli ultimi anni” prosegue la Figuccia.

Questi miracolosi 36 milioni, che naturalmente usciranno dalle tasche dei palermitani sotto forma di tasse, serviranno soltanto a pagare i debiti e non certamente a rilanciare l’azienda, il cui stato di salute cambia quotidianamente in base agli umori di amministratori ed assessori“.

L’unica speranza dei palermitani per avere un servizio di trasporto pubblico efficiente – conclude Sabrina Figuccia –  senza essere spennati è quella di affidare l’Amat in mani capaci, che sappiano affrontare i tantissimi problemi, ma soprattutto capaci di trovare le soluzioni più giuste. Un’impresa che, con gli attuali protagonisti, sembra quasi ai limiti della fantascienza…”.

 

LEGGI ANCHE:

In consiglio comunale il piano di risanamento Amat: preoccupazione per i conti dell’azienda

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.