22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11

Intervistata dal giornale tedesco Der Spiegel

Così parlò la Rackete: “Salvini ha violato i diritti umani”

5 Luglio 2019

Da indagata a eroina il passo è breve. E un’eroina, osannata da parte del mondo politico e da parte della stampa, non si sottrae di regola a commenti e interviste. E così, ecco che sul giornale tedesco “Der Spiegel” in un’intervista in edicola sabato 6 luglio, Carola Rackete, la comandante della Sea watch dà i propri giudizi sulla politica italiana in fatto di immigrazione e sui commenti del vicepremier.

“La politica di Salvini ha violato i diritti umani – racconta la Rackete – il suo modo di esprimersi è irrispettoso, non è appropriato per un politico di alto livello”.

L’equipaggio, spiega, ha inviato rapporti medici giornalieri sulle condizioni dei soccorsi, anche al Centro di soccorso italiano a Roma “ma nessuno ha ascoltato, nessuno ha risposto”. Eppure, tutti i migranti che avevano presentato disturbi sono stati fatti scendere prima dalla nave Sea watch e sbarcati a Lampedusa.

Ma la “capitana” ne ha per tutti: non contenta di attaccare il governo italiano, la Rackete se la prende, infatti, anche con il governo del suo Paese, la Germania:  “A livello nazionale e internazionale nessuno volesse davvero aiutare. Si sono sempre passati la patata bollente, mentre avevamo ancora 40 sopravvissuti a bordo. Ha fallito il ministro degli Interni Horst Seehofer, che non aveva alcun desiderio di accettare le offerte delle città” di ospitare i migranti a bordo della nave”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.