11 dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 21.06
Impennata delle richieste del Reddito di inclusione

Cresce povertà tra i pensionati di Palermo e Trapani, 50% a rischio esclusione sociale

6 dicembre 2017

Cresce la povertà fra i pensionati dei territori di Palermo e Trapani. Delle 407.300 pensioni erogate nel capoluogo siciliano e la sua provincia e delle 149.069 in tutto il trapanese, ben quasi il 50 per cento riguardano importi minimi, 500 euro circa.  I dati sono stati al centro dei lavori del consiglio generale della Fnp Cisl Palermo Trapani che si è svolto al convento di Baida a Palermo.

I numeri, sempre più allarmanti, confermano così anche in Sicilia il trend di crescita del fenomeno che in Italia vede ben 18 milioni di persone a rischio povertà ed esclusione sociale. Cresce infatti la domanda di politiche sociali: nelle prime ore solo per il comune di Palermo erano 1800 le domande per il Rei, il reddito di inclusione sociale (salite ora ad oltre 7 mila in cinque giorni)  e circa 200 a Trapani.

Questo non fa altro che confermare – ha dichiarato Mimmo Di Matteo segretario generale Fnp Cisl Palermo Trapani – che la nostra richiesta accolta nell’ultimo accordo con il governo nazionale di separazione fra assistenza e previdenza risulta assolutamente necessaria. E’ fondamentale continuare a portare la nostra battaglia per la rivalutazione degli importi in modo da adeguarli al costo della vita. E qui la situazione appare ancora più grave per via della mancanza di servizi adeguati sia sanitari che sociali. Non solo le strutture di cura e prevenzione sono poco presenti e le liste di attesa lunghissime, ma molti anziani spesso rinunciano alle cure a causa degli alti costi dei farmaci e degli esami diagnostici. E’ necessario ripensare a un welfare partendo dalle esigenze dei più poveri e fra questi milioni di pensionati che hanno bisogno di una vera e propria rete sociale che veda la collaborazione di istituzioni, sindacati e associazioni di volontariato per sostenere chi, in solitudine non può andare avanti, e sono purtroppo in tanti”.

C’è sempre più bisogno di politiche sociali nelle nostre città – ha commentato Leonardo La Piana segretario Cisl Palermo Trapani –  per questo pensiamo ad un welfare che coniughi le esigenze di chi è in difficoltà e quelle dei nostri giovani, anch’essi a rischio povertà, in cerca di un lavoro. Potenziare i servizi sociali potrebbe rispondere a entrambe le emergenze. Ci preoccupa l’aumento della povertà, per questo siamo sempre più convinti che è necessario unire le forze, le istituzioni, il mondo dell’associazionismo, le parti sociali, per intervenire sul fenomeno con concrete azioni in ogni realtà locale, perché è ormai certo che le misure anti povertà, se pur utili, non possono bastare”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Lectio Magistralis
Carissimi, Seduto comodamente in poltrona davanti al mio albero di Natale, luccicante oltre modo, ma molto personalizzato tanto da non sembrare asettico con quei fiocchetti
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...