18 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.31

L'indagine

Criminalità e politica a Messina, inchiesta per voto di scambio alle Regionali

13 Gennaio 2018

Ancora una nuova ‘vecchia’ storia di criminalità e politica in tempo di elezioni. Secondo quanto riferisce il quotidiano Gazzetta del sud nell’edizione di oggi, sarebbe in corso di svolgimento un’inchiesta per accertare il possibile indirizzo di voti da parte di ambienti criminali a candidati durante le recenti consultazioni regionali nel territorio del capoluogo peloritano.

L’indagine, di cui al momento non si sconoscono gli sviluppi, sarebbe stata aperta dalla Procura di Messina. A dare il via agli accertamenti sarebbero state alcune intercettazioni ambientali. Nei dialoghi un gruppo investigativo che stava lavorando tra la città e la zona tirrenica avrebbe ascoltato alcuni esponenti della criminalità organizzata, o comunque alcuni personaggi legati in qualche modo ad ambienti criminali, mentre in un certo senso “programmavano” pacchetti di voti.

Rimane adesso di capire quali siano i parlamentari coinvolti o se si tratti di candidati effettivamente eletti o di aspiranti che hanno mancato alla fine il rush finale per Sala d’Ercole.

L’ipotesi di voto di scambio e di possibili condizionamenti della criminalità organizzata durante le recenti consultazioni regionali è molto concreta. Lo stesso quotidiano messinese che dà notizia dell’indagine, mette  al centro della vicenda il necessario discriminante che deve in questi casi configurarsi tra  ” il classico do ut des che potrebbe configurare un profilo penale, legato per esempio al concetto di “voto di scambio” o di “corruzione elettorale”.

Altro dato interessante che si dovrà capire è quello che riguarda il timing dell’inchiesta. Se cioè questa verrà resa nota o meno prima della prossima scadenza elettorale del 4 marzo, giorno in cui si andrà a votare per il rinnovo del parlamento nazionale.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.