16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.38

preoccupazione dei sindacati

Crisi Cmc, a rischio tre grandi opere in Sicilia: “Intervenga Toninelli”

9 Gennaio 2019

I sindacati degli edili di Cgil, Cisl e Uil Sicilia chiedono al ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, di “costituire immediatamente un tavolo tecnico sulla grave crisi di Cmc.

Toninelli al cantiere SS640
Toninelli al cantiere SS640

“La cooperativa di Ravenna – affermano Francesco De Martino (Feneal Uil), Paolo D’Anca (Filca Cisl) e Francesco Tarantino (Fillea Cgil) – sta seguendo i tre piu’ importanti appalti nell’isola: quello della SS640 Agrigento-Caltanissetta, della SS121 Palermo-Agrigento (tratto Bolognetta-Lercara Friddi) e della Metropolitana di Catania, svolto da Cmc per conto della Ferrovia Circumetnea.

Le attuali vicende aziendali mettono in serio pericolo il completamento di queste opere e rischiano di creare un ennesimo disastro occupazionale”. Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil hanno incontrato i rappresentanti dell’Anas in Sicilia, ribadendo la necessità di “portare a compimento i lavori, salvaguardando i posti di lavoro”. 

Intanto oggi l’assemblea dei lavoratori edili impegnati sulla Bolognetta-Lercara ha proclamato lo stato di agitazione a partire da lunedì. Un ritorno al lavoro amaro per i 130 operai al lavoro sull’asse della Palermo-Agrigento, rientrati in cantiere dopo il periodo di ferie obbligare per una ripresa operativa sempre più a scartamento ridotto: mancano materiali e approvvigionamenti e il lavoro non procede.

Toninelli a Vicari
Toninelli a Vicari

All’assemblea, i segretari di Feneal, Filca Fillea, che ieri hanno incontrato i vertici Anas chiedendo il proseguimento dell’opera, hanno confermato le difficoltà che pesano sulla gestione del cantiere e sulla continuità lavorativa. “La crisi della Cmc sta provocando una situazione di stallo – puntano il dito i segretari provinciali di Fenal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil Ignazio Baudo, Filippo Ancona e Francesco Piastra –  Non arrivano più indicazioni. Stamattina abbiamo incontrato la direzione del cantiere e non c’è stata fornita notizia alcuna né sul pagamento delle mensilità arretrate né sul rientro a regime dei cantiere”.

Uno stato di incertezza di fronte al quale i sindacati reagiscono chiedendo alla Cmc di Ravenna e all’altro socio di riferimento, il consorzio Integra, azionista della Bolognetta Scpa, di battere un colpo. “Si assumano le responsabilità. L’ingovernabilità del cantiere, oltre alle difficoltà operativa e al mancato rispetto dei diritti dei lavoratori, genera un rischio per la viabilità. Questa strada è insicura  – aggiungono Baudo, Ancona e Piastra – E la tensione tra i lavoratori è alle stelle, si sfiora la disperazione. Da lunedì, insieme allo stato di agitazione, saranno  sospesi la reperibilità e i turni di straordinario e non verrà garantita l’assistenza stradale”.

lavoratori bolognetta lercaraLunedì, in assenza di risposte da parte del presidente della cooperativa Cmc e dal presidente del consorzio Integra, i sindacati decideranno se intensificare le azioni di protesta.

La situazione che si profila in Sicilia, con il disimpegno per la realizzazione di importanti infrastrutture da parte di una compagine societaria con più di 113 anni di storia, è grave. Constatiamo con rammarico che non arrivano nemmeno segnali di confronto e di dialogo. Rispetto al ruolo della cooperativa e al peso che ha nel movimento cooperativistico non ci saremmo aspettati un atteggiamento così insensibile – aggiungono i tre segretari palermitani  di Feneal, Filca e Fillea – E’ fondamentale, come hanno chiesto oggi i sindacati regionali degli edili, e nei giorni scorsi il prefetto di Palermo,  che si attivi subito  un tavolo tecnico. Richiamiamo al senso di responsabilità tutte le istituzioni e il ministero delle Infrastrutture Toninelli che, nella sua ultima discesa a Palermo, aveva assunto impegni precisi in merito ma non è più intervenuto”.

 

LEGGI ANCHE:

Bolognetta Lercara: i lavoratori chiedono garanzie. A rischio 170 posti | Video

Cantieri infiniti, ultimatum della Regione al Mise: “Cacci la Cmc dalla Sicilia”

Blitz sulla Agrigento-Caltanissetta: cantieri deserti. L’Ance: “Musumeci intervenga”

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.