26 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.09
Palermo

Sulle orme della "carovana di pace" di Mimmo Cuticchio

“Da Roncisvalle a Roncisvalle”: in programma spettacoli, incontri e narrazioni | Fotogallery

5 Dicembre 2018
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'

Guarda la fotogallery in alto 

Dopo la benedizione speciale di Papa Francesco la “carovana di pace” di Mimmo Cuticchio è partita dalla Sicilia alla volta dei Pirenei, raggiungendo la mitica piana di Roncisvalle.

Un percorso in tre tappe, tra giugno e luglio, Palermo, Roma, Roncisvalle, che è stato documentato e narrato da chi ha deciso di seguire il puparo e cuntista: artisti, marionettisti, pulcinella, cantastorie, hanno invaso i paesini al di qua e al di là dei Pirenei, fermandosi per offrire spettacoli al pubblico, per poi ritrovarsi nella nebbia a Saint-Jean-Pied-de-Port sul sentiero che porta verso Ibañeta, al confine tra Francia e Spagna.

Roncisvalle

La carovana laica, con in testa il pupo Orlando, ha raggiunto il luogo in cui leggenda vuole che sia avvenuta la tremenda disfatta dei paladini. E qui Mimmo Cuticchio ha presentato il suo cunto de “La morte di Orlando”.

L’esperienza dei mesi scorsi oggi è racchiusa in un libro e in un documentario, che saranno presentati venerdì  7 dicembre, alle 18, al Teatrino dei Pupi di via Bara all’Olivella.

Il volume tenta di restituire il senso di questa ultima edizione de “La Macchina dei Sogni”, nata sotto il segno dell’utopia: perché un’impresa favolosa è diventata realtà.

La pubblicazione raccoglie diversi materiali del Festival, gli spettacoli che hanno preso il via al convento di Santa Caterina, a Palermo; le mostre e l’esperienza di Roncisvalle, attraverso il diario di bordo scritto da Chiara D’Ambros, e un Carnet de Voyage di Giuliano Scabia; con i contributi dei 12 “pari”, studiosi di varie materie, che hanno affiancato Cuticchio.

Raccontare La Macchina dei Sogni” è invece il documentario che verrà presentato giovedì 20 dicembre, alle 18, sempre al Teatrino, realizzato da una troupe dell’Università La Sapienza di Roma nell’ambito del progetto “Per fare il teatro che ho sognato”, curato dal Dipartimento di Storia, Antropologia, Religioni, Arte e Spettacolo.

Un’opera visuale, un diario di viaggio che, attraverso immagini, suoni e parole, restituisce le gesta dei pupi e il racconto della disfatta dei paladini rievocata nei luoghi del mito da Mimmo Cuticchio; scorrono come una pellicola, le voci di tutti i narratori che si sono avvicendati lungo il percorso, da Palermo a Puerto de Ibañeta.

Da Roncisvalle a Roncisvalle”, infine, mette insieme quattro spettacoli, sceneggiati e diretti dal puparo, che raccontano la rotta di Roncisvalle.

Roncisvalle

Si inizia sabato e domenica (8 e 9 dicembre) alle 18,30, al Teatrino dei Pupi: la compagnia Figli d’arte Cuticchio propone il primo episodio “Vantamento dei paladini”. Seguiranno , “Malagigi brucia l’arte” (15 e 16 dicembre), “Ultimo tradimento di Gano” (22 e 23 dicembre) e “La morte di Orlando” (29 e 30 dicembre).

La compagnia di Opera dei pupi è formata da Mimmo e Giacomo Cuticchio, Tania Giordano, Giuseppe Airò; al piano a cilindro Provvidenza Padalino.

Il cartellone comprende anche due spettacoli di narrazione: giovedì 13 dicembre alle 18, l’attrice Marika Pugliatti presenta “Orlando e Agricane della Tartaria”; e giovedì 27,  Salvino Calatabiano si dedica a “Rinaldo pellegrino”. Ingresso libero.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.