14 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.27
Messina

Quasi 50 mila voti per Dafne Musolino

De Luca: “Il Patto della Madonnina ha funzionato. Messina territorio più forzista d’Italia”

27 Maggio 2019

“Siamo soddisfatti del risultato conseguito da Dafne Musolino che ha sfiorato le 50 mila preferenze. Non è un caso che la città e la provincia di Messina si siano rivelata le più forziste d’Italia, ritornando ad essere protagoniste nella geopolitica che conta, con un contributo straordinario di voti rappresentati dalle 24 mila preferenze conseguite da Dafne Musolino e circa il 24% dei complessivi voti di lista a Forza Italia”. Lo ha dichiarato il sindaco di Messina, Cateno De Luca, a commento della tornata elettorale appena conclusa che attesta Forza Italia al ruolo di primo partito a Messina.

“Non ci sono dubbi – continua il primo cittadino – che il consenso di Dafne Musolino rappresenta l’apporto di Sicilia Vera, di Sicilia Futura e di parte dell’UDC siciliano, ascrivibile alla lungimirante visione politica del coordinatore regionale di Forza Italia, Gianfranco Miccichè, finalizzata a superare gli steccati della mera appartenenza partitica a beneficio di una strategia di area con la condivisione di comuni valori ed ambiziosi obiettivi”.

Adesso basta con i pupi e i pupari, diamo spazio ai veri uomini, io sono pronto a continuare il percorso – aggiunge De Luca -. Il cosiddetto “Patto della Madonnina” sottoscritto il 20 maggio a Messina, grazie alla mediazione di Sicilia Futura, ha consentito all’on. Giuseppe Milazzo di superare Saverio Romano, aprendo dei nuovi scenari per i prossimi assetti della Giunta Regionale e della presidenza dell’Anci Sicilia, fino a giungere all’indicazione del prossimo candidato alla Presidenza della Regionale Siciliana del 2022. Colgo l’occasione per ringraziare tutti gli elettori, in particolar modo quelli della città e provincia di Messina, per il sostegno dimostrato”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.