13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.52
Messina

il sindaco di Messina respinge il paragone

De Luca: “Io come Salvini? Quando ho iniziato a fare blitz lui prendeva il biberon”

10 Luglio 2019

Al Comune di Messina ci sono dei poltroni che vogliono continuare a non fare nulla. Non posso consentirlo. Io sto facendo dei blitz per controllare e verificare personalmente la situazione e continuerò a farli. D’altronde ho iniziato a fare blitz dal 2003, da quando ero sindaco a Fiumedinisi. Li ho fatti poi anche dal 2012 in poi a Santa Teresa di Riva e lo stesso discorso vale adesso, a maggior ragione, al Comune di Messina”. Il monito arriva dal sindaco di Messina, Cateno De Luca. 

“Mi paragonano a Matteo Salvini? Quando ho iniziato io a fare i blitz, Salvini prendeva ancora il biberon. Sto fronteggiando tante porcherie e ora il tempo è scaduto per tutti e se le porcherie ci sono ancora ne risponderanno i dirigenti stessi. Mi rimproverano di fare il sindaco come a Fiumedinisi o come a Santa Teresa di Riva? Quelle esperienze sono state importanti e hanno dato grandi risultati, meritano di essere rispettate come vanno rispettate tutte e due le comunità di cui sono fiero e orgoglioso di essere stato sindaco, come lo sono adesso di essere sindaco di Messina. Il problema è che a Messina alcuni impiegati si sono possono permettere di rubare e non fare niente. La giustizia per me vale ovunque, sempre e per tutti, senza distinzioni e senza privilegi per nessuno. Ribadisco che continuerò a fare il sindaco a modo mio, ho ammonito chi aveva delle responsabilità a prendere le misure conseguenziali e se ciò non è stato fatto, ci penserò direttamente io”.

“Non si può continuare con impiegati che non timbrano, non firmano e non danno conto a nessuno conclude De Luca -. Vogliamo ancora impiegati che hanno alloggi e privilegi? No, non è possibile e non è accettabile. Con me tutto questo non può continuare e non accadrà più”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.