10 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.50
Messina

il sindaco di Messina respinge il paragone

De Luca: “Io come Salvini? Quando ho iniziato a fare blitz lui prendeva il biberon”

10 Luglio 2019

Al Comune di Messina ci sono dei poltroni che vogliono continuare a non fare nulla. Non posso consentirlo. Io sto facendo dei blitz per controllare e verificare personalmente la situazione e continuerò a farli. D’altronde ho iniziato a fare blitz dal 2003, da quando ero sindaco a Fiumedinisi. Li ho fatti poi anche dal 2012 in poi a Santa Teresa di Riva e lo stesso discorso vale adesso, a maggior ragione, al Comune di Messina”. Il monito arriva dal sindaco di Messina, Cateno De Luca. 

“Mi paragonano a Matteo Salvini? Quando ho iniziato io a fare i blitz, Salvini prendeva ancora il biberon. Sto fronteggiando tante porcherie e ora il tempo è scaduto per tutti e se le porcherie ci sono ancora ne risponderanno i dirigenti stessi. Mi rimproverano di fare il sindaco come a Fiumedinisi o come a Santa Teresa di Riva? Quelle esperienze sono state importanti e hanno dato grandi risultati, meritano di essere rispettate come vanno rispettate tutte e due le comunità di cui sono fiero e orgoglioso di essere stato sindaco, come lo sono adesso di essere sindaco di Messina. Il problema è che a Messina alcuni impiegati si sono possono permettere di rubare e non fare niente. La giustizia per me vale ovunque, sempre e per tutti, senza distinzioni e senza privilegi per nessuno. Ribadisco che continuerò a fare il sindaco a modo mio, ho ammonito chi aveva delle responsabilità a prendere le misure conseguenziali e se ciò non è stato fatto, ci penserò direttamente io”.

“Non si può continuare con impiegati che non timbrano, non firmano e non danno conto a nessuno conclude De Luca -. Vogliamo ancora impiegati che hanno alloggi e privilegi? No, non è possibile e non è accettabile. Con me tutto questo non può continuare e non accadrà più”.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.