25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Messina

il sindaco di Messina torna all'attacco

De Luca “sfida” Villarosa sull’ex provincia di Messina: “Confrontati con me o dimettiti” | VIDEO

9 Aprile 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

È guerra aperta tra Cateno De Luca e il sottosegretario di Stato del M5S, Alessio Villarosa sulle questione irrisolta delle province regionali, il cui destino resta ancora più che mai incerto. “Caro Villarosa – afferma Cateno De Luca ti sfido ad un pubblico confronto. Se non accetti mi attendo le tue dimissioni a cinque stelle”. Duro ed eloquente l’affondo del sindaco metropolitano di Messina nei confronti del sottosegretario del MEF Alessio Villarosa, che viene definito “un bugiardo a cinque stelle”.

“Quando ci ritroviamo nelle istituzioni gente nominata dalle piattaforme farlocche che nella loro vita non hanno amministrato neanche un condomino questo è il risultato. Il sottosegretario non si rende conto di quello che dice, non ha mantenuto le promesse fatte sull’ex provinciale regionale e in questi casi bisognerebbe vergognarsi e dimettersi”, rimarca De Luca, che già nei giorni scorsi aveva sferrato un altro attacco sempre nei confronti dell’esponente M5S.

“Purtroppo – ha detto De Luca – Villarosa continua a non tener conto della penalizzazione che in questi ultimi quattro anni le ex province siciliane hanno subito, oltre 250 milioni di euro, rispetto alle ex province delle regioni a statuto ordinario. Ricordo a tutti che servono circa 80 milioni di euro all’anno per il 2019/2021, in aggiunta ai 112 milioni del fondo ordinarie della Regione Siciliana, per consentire alle ex province siciliane di poter garantire i servizi minimi indispensabili e ripianare i disavanzi accumulati negli anni pregressi. Mi auguro che l’assessore Regionale all’economia Gaetano Armao non firmi un ulteriore accordo suicida per il nostro territorio”.

 

LEGGI ANCHE:

Ex province, Germanà (Fi) contro il sottosegretario Villarosa: “Operazione scellerata”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.