21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.23
Messina

il sindaco di Messina torna all'attacco

De Luca “sfida” Villarosa sull’ex provincia di Messina: “Confrontati con me o dimettiti” | VIDEO

9 Aprile 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

È guerra aperta tra Cateno De Luca e il sottosegretario di Stato del M5S, Alessio Villarosa sulle questione irrisolta delle province regionali, il cui destino resta ancora più che mai incerto. “Caro Villarosa – afferma Cateno De Luca ti sfido ad un pubblico confronto. Se non accetti mi attendo le tue dimissioni a cinque stelle”. Duro ed eloquente l’affondo del sindaco metropolitano di Messina nei confronti del sottosegretario del MEF Alessio Villarosa, che viene definito “un bugiardo a cinque stelle”.

“Quando ci ritroviamo nelle istituzioni gente nominata dalle piattaforme farlocche che nella loro vita non hanno amministrato neanche un condomino questo è il risultato. Il sottosegretario non si rende conto di quello che dice, non ha mantenuto le promesse fatte sull’ex provinciale regionale e in questi casi bisognerebbe vergognarsi e dimettersi”, rimarca De Luca, che già nei giorni scorsi aveva sferrato un altro attacco sempre nei confronti dell’esponente M5S.

“Purtroppo – ha detto De Luca – Villarosa continua a non tener conto della penalizzazione che in questi ultimi quattro anni le ex province siciliane hanno subito, oltre 250 milioni di euro, rispetto alle ex province delle regioni a statuto ordinario. Ricordo a tutti che servono circa 80 milioni di euro all’anno per il 2019/2021, in aggiunta ai 112 milioni del fondo ordinarie della Regione Siciliana, per consentire alle ex province siciliane di poter garantire i servizi minimi indispensabili e ripianare i disavanzi accumulati negli anni pregressi. Mi auguro che l’assessore Regionale all’economia Gaetano Armao non firmi un ulteriore accordo suicida per il nostro territorio”.

 

LEGGI ANCHE:

Ex province, Germanà (Fi) contro il sottosegretario Villarosa: “Operazione scellerata”

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.