26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28
Palermo

in via S. Nicola

Degrado a Palermo: abbandono incontrollato di tonnellate di rifiuti allo Zen 2 | Foto

21 Aprile 2019
'
'
'
'
'

 

Guarda la fotogallery in alto

Mattoni, plastica, tubi di vario genere, involucri di materiale edile, cemento, amianto e ancora immense radici di alberi di palme, mobili, elettrodomestici. Questo e molto altro è possibile trovare in via San Nicola nel quartiere Zen 2 a Palermo.

Continua senza sosta, dunque, l’abbandono incontrollato di tonnellate di ogni sorta di rifiuti rivenienti anche da attività di demolizione e ristrutturazione di immobili.

Per evitare il continuo verificarsi di questi ed altri simili episodi delinquenziali si dovrebbe inibire il transito da questa strada, che tra l’alto è diventata impercorribile all’80%, oppure istallare idonee telecamere di controllo” afferma Giovanni Moncada, presidente dell’associazione comitati civici Palermo.

L’Amministrazione pubblica, in ogni sua componente, non può far finta di ignorare tutte le richieste da noi inoltrate. Ha il dovere di intervenire per ripristinare la legalità, da alcuni del tutto sconosciuta” prosegue Moncada.

Questa via, in queste condizioni, non può definirsi una pubblica via per il transito dei cittadini, ne proponiamo la chiusura a tutela della sicurezza e della integrità fisica delle persone” conclude il presidente dell’associazione.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.