18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 06.56
Palermo

l'inaugurazione Il 9 novembre

Design e cibo, a Palermo la mostra per lo sviluppo dell’agroalimentare

7 Novembre 2018

Sarà inaugurata il 9 novembre prossimo, alle 16, la mostra “Design e cibo per l’identità di un territorio”, presso la Sala delle Carrozze di Villa Niscemi a Palermo.

La mostra, a cura di Anna Catania, racconta la collaborazione tra università, territorio, aziende e associazioni per proporre il design come fattore strategico d’innovazione e di sviluppo dei sistemi produttivi locali. Le proposte, attraverso un approccio multidisciplinare, considerano le eccellenze del territorio siciliano per promuovere l’agroalimentare, l’artigianato e i beni locali. I progetti riguardano nuove proposte di prodotto alimentare, come la rivisitazione nelle forme della tradizionale pasticceria a base di mandorla, tra cui la frutta Martorana; packaging in cartone e in banda stagnata per consumare in modo nuovo la mandorla, l’oliva Vaddarica e la calia; accessori per la tavola in ceramica, reinterpretando l’antica arte ceramica di Naso.

I nuovi progetti sono nati attraverso il know–how dello chef Giuseppe Giuliano dell’Associazione Provinciale Cuochi e Pasticceri di Palermo, delle aziende e degli stakeholder siciliani e non, che partecipano, annualmente al momento formativo degli studenti universitari all’interno del Laboratorio di disegno industriale, del Corso di Materiali per il design e del Corso in Disegno Industriale di Anna Catania, Dipartimento di Architettura, Palermo.

Per i progetti realizzati in ceramica sono stati riscoperti i contenitori, “burnie” e albarelli, e i laterizi cuneiformi utilizzati per il rivestimento dei campanili,”bugnette”, della tradizione locale, trasformandoli in oggetti di design innovati e versatili.

Le innovazioni apportate nei manufatti in ceramica sono nate attraverso le comunicazioni agli studenti da parte del designer Andrea Branciforti, del maestro ceramista Pierluigi Scardino, della dott.ssa Maria Reginella storica dell’arte per la Soprintendenza dei BB.CC.AA. di Palermo, del prof.Calogero Vinci per le caratteristiche tecnico-costruttive dei laterizi maiolicati cuneiformi e del prof. Francesco Di Paola per l’analisi geometrico-formale e tipologica.

Il prof. Francesco Di Paola ha anche curato la realizzazione dei modelli con tecnologie di stampa 3D dei progetti ideati dagli studenti che reinterpretano le “bugnette” in accessori per la tavola. L’inaugurazione della mostra è preceduta da una presentazione per approfondire il rapporto tra design e dimensione locale.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.