25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

l'affondo di Pino Apprendi

Dicevano: “Cambieremo la legge elettorale”, hanno tutti dimenticato la promessa

2 Febbraio 2019

«Vi ricordate di questo mantra? Tutti, vincitori e vinti, prima della campagna elettorale promettevano di voler cambiare la legge elettorale. Tutti indignati che l’elettore non potesse scegliersi il parlamentare da votare, perché il sistema plurinominale, di fatto, garantiva gli amici del capo. Però è piaciuta a tutti, adesso comodi nello scranno della Camera o del Senato, hanno dimenticato la promessa». È il j’accuse di Pino Apprendiconsigliere comunale di Piana degli Albanesi, già deputato Ars.

Lo hanno dimenticato «sopratutto i “miracolati” che di voti personali sanno di non averne e che si sono battuti come leoni per conquistare il primo posto in lista in più collegi. Cari amici e compagni dell’opposizione (?) se volete riconquistare una parte dell’elettorato sdegnato dalla malapolitica avete un argomento da proporre insieme ai temi del lavoro, della corruzione e ai temi dei diritti umani».

 

LEGGI ANCHE:

Apprendi: “La vergogna del Rosatellum”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.