15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Messina

Si ferma al 23%

Differenziata: Messina prima città metropolitana, ma il 65% è un miraggio

2 Aprile 2019

Messina è la città metropolitana più virtuosa in materia di raccolta dei rifiuti solidi urbani ma rimane a distanza siderale dall’obiettivo del 65% di differenziata, che per il momento rimane un miraggio.

La Città di Messina ha raggiunto infatti il 23% di raccolta differenziata rispetto al 13% di giugno 2018.

“Catania è ferma al 7% mentre Palermo è ferma al 12%. Noi siamo al 23%, possiamo e dobbiamo fare di più ma sono convinto che la situazione potrà migliorare e i segnali già ci sono con una crescita del 10% in un anno”, ha evidenziato il sindaco di Messina, Cateno De Luca.

Cateno De LucaSull’argomento si è svolto nel Salone delle Bandiere un convegno organizzato dall’Assessorato Territorio e Ambiente, Dipartimento Acqua e Rifiuti, per discutere di Compostaggio domestico, locale e di comunità. All’incontro ha preso parte il Direttore del Dipartimento acqua e rifiuti Salvatore Cocina che ha illustrato i dati sulla Raccolta Differenziata esprimendo apprezzamento per quanto ha fatto l’amministrazione comunale di Messina negli ultimi mesi per incrementare il servizio, precisando che la città di Messina si attesta come capofila tra le Città Metropolitane della Sicilia per la percentuale di RD effettiva.

Manuela Leone, presidente della Rifiuti Zero Sicilia, ha illustrato i principi ispiratori del compostaggio come strumento di trattamento e smaltimento della frazione umida del rifiuto che consente lo smaltimento sul posto, e dunque economicamente sostenibile, rimarcando la necessità che le comunità come scuole, condomini, strutture sanitarie e penitenziarie adottino le compostiere per farle funzionare. Sull’argomento è intervenuto, inoltre, Umberto Lo Re, presidente dell’Associazione Nazionale del Compostaggio, che ha relazionato sugli aspetti tecnici della normativa nazionale.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.