9 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.02

Nella classifica delle regioni la Sicilia si colloca al 12° posto

Posto fisso, i dati sfatano il mito del record in Sicilia di dipendenti pubblici

1 Marzo 2017

dipendenti-pubbliciI dipendenti pubblici in Italia sono sempre troppi. Se c’è poi una Regione che più delle altre viene ripetutamente messa all’indice e sottoposta alla gogna mediatica, con l’accusa di averne un numero esorbitante, quella è la Sicilia. Si tratta di credenze diffuse e radicate nell’immaginario collettivo che spesso non tengono conto delle statistiche e che ancora una volta, oggi, vengono sconfessate da una ricerca del Centro studi ImpresaLavoro, effettuata su dati dell’Istat e della Ragioneria Generale dello Stato.

Incredibile ma vero l’Italia ha meno dipendenti della Germania, mentre la Sicilia nella classifica regionale si colloca al 12° posto. Se si rapportano, infatti, i 3,142 milioni di dipendenti della pubblica amministrazione alla popolazione residente si scopre che la media italiana (5,18%) è inferiore a quella tedesca (5,70%) o spagnola (6,40%). Nell’Isola, invece, la media è del 5,32%. Si tratta dell’unica Regione a statuto speciale che non si trova nelle prime posizioni, occupate in ordine da Valle D’Aosta (9,05%), Trentino Alto Adige (7,40%), Friuli Venezia Giulia (6,75%) e Sardegna (6,58%).

Questi ultimi dati sfatano un altro mito diffuso non solo a livello nazionale ma anche nella stessa Sicilia. Quello secondo il quale la tanto discussa autonomia siciliana sia stata utilizzata dalla classe politica regionale per ingrossare le fila dei dipendenti nelle pubbliche amministrazioni locali, in chiave clientelare e assistenziale. I numeri, invece, sotto questo aspetto mettono sul banco degli imputati tre regioni del Nord.

Che poi in Sicilia ci siano stati fenomeni eclatanti di clientelismo e assistenzialismo è cosa risaputa, proprio come si sono verificati in molte altre regioni d’Italia. Così come è risaputa l’esistenza nell’Isola di tante persone pagate con i denari dei contribuenti che fanno poco o niente.

tabella-1

Pare comunque che la quantità di dipendenti non sia correlata all’efficienza amministrativa. In effetti, per fare in modo che la macchina amministrativa riesca ad erogare in modo efficiente i servizi di cui i cittadini e le imprese hanno bisogno conta più la capacità di saper gestire la forza lavoro di cui si dispone. Balza agli occhi, infatti, la presenza in fondo alla classifica di regioni più popolate ed economicamente più sviluppate come la Lombardia (4,02%) e il Veneto (4,51%).

È questo il vero punto dolente della Sicilia. Fa piacere, infatti, prendere atto che non abbia il record nazionale di impiegati pubblici, ma farebbe ancora più piacere scoprire che questi vengano utilizzati al meglio per far funzionare la pubblica amministrazione a Palermo come a Milano.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.