22 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.19
Messina

De Luca

Dirigente scrive a De Luca e lo confonde con Accorinti. Il sindaco s’infuria: “Ora basta”

6 Marzo 2019

Una semplice svista o una provocazione? L’interrogativo riguarda la curiosa polemica sorta in queste ore a Palazzo Zanca tra il sindaco di Messina, Cateno De Luca, e un dirigente del Comune di Messina. Romolo Dell’Acqua, funzionario dell’Area tecnica, Dipartimento Ambiente e Sanità ha inviato, infatti, una nota a De Luca riguardante l’integrazione al piano ferie delle farmacie del Comune per l’anno 2019, già approvate nella seduta del 22 gennaio scorso dal Consiglio direttivo dell’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Messina.

Da qui viene così disposta l’autorizzazione al Dipartimento del Farmaco U.O.C. Assistenza Farmaceutica e Distribuzione Intermedia dell’Asp Messina e all’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Messina per i provvedimenti di rispettivi competenza. Normali adempimenti burocratici, insomma, e il problema non riguarda i contenuti della nota ma la dicitura finale nella quale, lì dove dovrebbe firmare De Luca, si legge: “il sindaco, Accorinti”.

e Luca replica e lo fa senza fare mistero del suo disappunto: “Può essere che un dirigente generale di Palazzo Zanca ancora non si è reso conto che il sindaco di Messina è Cateno De Luca e non più Accorinti? E non è la prima volta!! E basta ora!!!”.

L’argomento ha subito scatenato la polemica social, tra chi dà ragione a De Luca e ritiene che sia stata compiuta una provocazione nei suoi confronti e chi invece ritiene che si sia trattato di una semplice svista e che, insomma, non sia giustificabile la polemica e la relativa risposta piccata di De Luca. Una cosa in definitiva pare certa, De Luca adesso si aspetta che la svista non si ripeta più: “Scateno” non è disposto ad essere confuso nuovamente con il suo predecessore.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.