20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.44
Palermo

problemi strutturali

Disagi al Pagliarelli, i detenuti denunciano: poche docce e difficoltà a curarsi

26 Giugno 2019

Il presidente di Antigone Sicilia,  Pino Apprendi, il responsabile regionale dell’Osservatorio carcere dell’UCPI e vice presidente Camera Penale di Palermo Fabio Bognanni e i rappresentanti dell’Osservatorio carcere della Camera Penale di Palermo, Rosalia Zarcone, Anna Bonfiglio e Rita Maccagnano, si sono recati al Carcere Pagliarelli, a seguito dello sciopero della fame dei detenuti dell’alta sicurezza.

La delegazione ha incontrato i rappresentanti dei detenuti che hanno manifestato il disagio che li ha portati anche a forme esasperate di protesta come non andare ai colloqui con i familiari.

I detenuti hanno elencato una serie di richieste in parte accolte nell’immediato come il cambio dei materassi e l’aumento dei kg del pacco per i fuori sede.

Per le docce hanno concordato la possibilità di riscaldarsi un secchio d’acqua con il proprio fornellino e recarsi nelle docce comuni non essendoci docce nelle celle, poco o nulla hanno ottenuto per migliorare la consegna delle medicine sia quelle del carcere che quelle che comprano privatamente. Un altro grave problema per il quale l’Istituto é  abbandonato a se stesso è  il problema legato alla salute mentale, oltre trecento sono i detenuti che fanno uso di medicinali appropriati.

Il carcere ha problemi strutturali, era stato costruito per 700 persone e ne ospita oltre 1300. L’impiantistica é  sottodimensionata e inadeguata. Da decenni denunciamo questa situazione, in estate caldo rovente ed in inverno freddo glaciale. Non stanno meglio gli agenti della Polizia Penitenziaria , il cui organico é inferiore al previsto e  sottodimensionato, come tutti sanno gli agenti vengono utilizzati anche per le traduzioni e per servizi amministrativi vari. Il Ministero fa orecchio da mercante“, lo dice Pino Apprendi, presidente Antigone Sicilia.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.