14 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.30

frizioni nel carroccio

Dissapori nella Lega a Giarre, interviene Candiani: “Si rispettino le Regole, chi non ci sta può andare”

20 Aprile 2019

Si sono registrati nelle scorse ore dissapori e distinguo nel circolo della Lega di Giarre da parte di un gruppo di militanti leghisti che non avrebbero gradito le strategie del presidente del locale Circolo Giovanni Barbagallo in ordine ad alcune scelte politiche. Fra queste, anche quelle relative alle prossime elezioni europee.

In una nota, firmata da alcuni esponenti leghisti giarresi si parlava di una presa di distanze di questi ultimi rispetto a una gestione non condivisa del circolo da parte del presidente. Sulla questione lo stesso presidente Barbagallo si limita a un secco: “Preferisco attenermi alle regole del partito“, mentre chi interviene direttamente è il commissario regionale della Lega Stefano Candiani, con una dichiarazione che di fatto stoppa le polemiche:

“Non c’è tempo per i bisticci da cortile – spiega Candiani – se a qualcuno non garbano le scelte prese può andare dove vuole. Nella Lega si rispettano le regole e non ci sono spazi per i protagonismi e per chi non capisce che con la Lega ci si impegna in politica non per ambizione personale ma per risolvere i problemi degli altri”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.