20 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42

frizioni nel carroccio

Dissapori nella Lega a Giarre, interviene Candiani: “Si rispettino le Regole, chi non ci sta può andare”

20 Aprile 2019

Si sono registrati nelle scorse ore dissapori e distinguo nel circolo della Lega di Giarre da parte di un gruppo di militanti leghisti che non avrebbero gradito le strategie del presidente del locale Circolo Giovanni Barbagallo in ordine ad alcune scelte politiche. Fra queste, anche quelle relative alle prossime elezioni europee.

In una nota, firmata da alcuni esponenti leghisti giarresi si parlava di una presa di distanze di questi ultimi rispetto a una gestione non condivisa del circolo da parte del presidente. Sulla questione lo stesso presidente Barbagallo si limita a un secco: “Preferisco attenermi alle regole del partito“, mentre chi interviene direttamente è il commissario regionale della Lega Stefano Candiani, con una dichiarazione che di fatto stoppa le polemiche:

“Non c’è tempo per i bisticci da cortile – spiega Candiani – se a qualcuno non garbano le scelte prese può andare dove vuole. Nella Lega si rispettano le regole e non ci sono spazi per i protagonismi e per chi non capisce che con la Lega ci si impegna in politica non per ambizione personale ma per risolvere i problemi degli altri”. 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.