22 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.19
Messina

il cadavere era sul letto

Donna trovata morta a Messina, il fidanzato confessa l’omicidio

7 Marzo 2019

Una donna, Alessandra Immacolata Musarra di 28 anni, è stata trovata morta il 7 marzo nel letto della sua abitazione, nel quartiere di Santa Lucia Sopra Contesse a Messina.

La polizia ha fermato il fidanzato, Christian Ioppolo, che è stato  accusato di omicidio. Portato in questura, Ioppolo avrebbe confessato dopo un lungo interrogatorio confermando i sospetti degli inquirenti.

L’uomo è stato poi sentito in presenza del suo avvocato. L’indagine è coordinata dal Procuratore Maurizio De Lucia.

“Lasciati alle spalle ciò che ti ha fatto soffrire. Lasciati alle spalle ciò che ti ha ferito. Lasciati alle spalle ciò che non puoi cambiare. Liberati da quei sentimenti che ti avvelenano. Non permettere a nessuno di spegnere il tuo sorriso. Perchè tu meriti il meglio”. A scrivere ieri questa frase sul suo profilo Facebook.

Sempre ieri la ragazza aveva scritto anche un post in vista dell’8 marzo, riferendosi a una nota serie televisiva che affrontava il tema della violenza sulle donne aveva commentato: “Ci sono sempre nuovi temi di violenze sulle donne perché sono in mille modi”.

Pare che i due litigassero spesso per la gelosia di lui che, come sostengono gli investigatori, in passato l’aveva picchiata. Ieri, secondo la ricostruzione, l’avrebbe colpita con calci e pugni fino ad ucciderla. È stato lo stesso Ioppolo a confessare di avere massacrato di botte la fidanzata.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.