13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.16

i lavori a palazzo dei normanni

Dopo le vacanze all’Ars è subito ‘bagarre’. L’opposizione affonda il collegato

11 Settembre 2019

Dopo 40 giorni circa, di ferie estive, ieri si è ritornati in aula a Palazzo dei Normanni ed è stata subito ‘bagarre’. Il parlamento siciliano si è riunito dopo la pausa estiva e la prima seduta è stata caratterizzata da uno scontro fra la maggioranza e le opposizioni.

I lavori sono ripresi dall’esame dei “ddl collegati”: i capigruppo di maggioranza hanno presentato un maxi emendamento di 64 articoli al “collegato della Quinta commissione” che racchiude alcune delle norme contenute negli altri ddl collegati. Pd, Cinque Stelle hanno chiesto di rinviare l’intero testo del ddl nelle commissioni di merito e, citando il regolamento, hanno chiesto che questo passaggio fosse deciso da un voto dell’Aula. La stessa richiesta è stata sostenuta da Sicilia Futura. Quindi si è aperto un braccio di ferro fra il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè e le opposizioni che chiedevano il voto immediato per il rinvio nelle commissioni.

Miccichè ha detto: “sto riflettendo, ho bisogno di un po’ di tempo”. Ma alla fine il braccio di ferro è stato vinto dall’opposizione.  Il ‘collegato dei collegati’ è stato rinviato in quinta commissione. Entro martedì prossimo si spera di riportare in Aula le normative da discutere. Quindi, sino a quel giorno i lavori di Sala d’Ercole ‘procederanno a tentoni’. La novità della giornata dei deputati regionali è quella che Pippo Gennuso ha aderito al gruppo parlamentare Ora Sicilia, lasciano le fila dei Popolari ed Autonomisti.

Il parlamentare regionale era stato sospeso dall’Assemblea regionale siciliana perché era stato posto agli arresti domiciliari per un presunto caso di corruzione, ma è tornato a occupare il suo posto all’Ars dopo il patteggiamento a Roma a un anno e 2 mesi per il reato di traffico di influenze. Pena non soggetta alla cosiddetta legge Severino, che esclude dalla vita politica e amministrativa coloro i quali abbiano riportato condanne per reati contro la pubblica amministrazione. Insomma come inizio di ripresa dei lavori in aula ‘non c’è male’.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.