13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.10
Palermo

Presentato il progetto

Droghe e bullismo a scuola: nuovo sistema di videosorveglianza per sei istituti di Palermo

11 Settembre 2019

E’ stato presentato, nella centrale operativa dei vigili urbani, il nuovo sistema di videosorveglianza realizzato nell’ambito di “Scuole Sicure“, il progetto finalizzato alla prevenzione e al contrasto di fenomeni illegali nei pressi di sei istituti scolastici superiori della città. Erano presenti il sindaco Leoluca Orlando, il vice sindaco Fabio Giambrone, l’assessore alla Scuola, Giovanna Marano, il comandante della Polizia municipale, Vincenzo Messina, il questore di Palermo, Renato Cortese e il prefetto Antonella De Miro.

Un intervento necessario per prevenire e contrastare atti e fenomeni illegali attorno alle scuole, che sono uno dei pilastri della nostra comunità – ha detto Orlando -. Un importante momento di sinergia e collaborazione fra il Comune, con la Polizia Municipale e la Sispi, e tutti gli altri attori coinvolti nella sicurezza della nostra città, primi fra tutti la Prefettura e la Questura“.

In particolare, il progetto nasce da un protocollo d’intesa tra la Prefettura di Palermo e l’Amministrazione comunale e prevede, oltre all’impiego di personale della Polizia Municipale in attività di vigilanza all’esterno delle sei scuole superiori individuate, anche percorsi di formazione e l’ampliamento del sistema di videosorveglianza di sicurezza urbana.

Le telecamere utilizzate, di ultima generazione, accresceranno il raggio di visualizzazione all’esterno dei plessi scolastici e saranno collegate all’anello telematico del Comune di Palermo, cioè ad una rete a fibra ottica in banda larga lunga 33 chilometri. Le scuole coinvolte sono: Cascino, Cannizzaro, Piazzi, Cassarà, Regina Margherita e Itc Vittorio Emanuele.

 

Un traguardo raggiunto grazie al lavoro sinergico tra Polizia di Stato e municipale che consentirà di garantire una maggiore sicurezza e di effettuare un controllo più serrato sul territorio“, afferma Toni Sala, capogruppo di Palermo 2022 che aggiunge – Il tutto con l’obiettivo primario di contrastare il bullismo e lo spaccio di droga, due piaghe che in modo diverso colpiscono le giovani generazioni“.

Le scuole rappresentano il luogo più importante per la crescita e la formazione dei giovani e per questo devono essere sicure da ogni punto di vista“, conclude Sala.

LEGGI ANCHE:

Sicilia. Scuola: modificato il calendario 2019-2020. Ecco cosa cambia

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.