21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.23
Palermo

Nell'ambito della collettiva "Rifiuti"

Ecco il “GenioPop della munnizza”, l’installazione-denuncia di Francesca Pagliaro

13 Maggio 2019
'
'
'
'

Guarda le foto in alto

E’ stata inaugurata il 10 maggio 2019 in occasione della mostra collettiva Rifiuti allestita nei locali della biblioteca regionale di corso Vittorio Emanuele, a Palermo, su iniziativa della “Settimana delle culture” ed è l’istallazione: “GenioPop della Munnizza”, realizzata da Francesca Pagliaro.

Un’opera che nasce come denuncia verso l’incuria dei palermitani stessi verso la propria città, Palermo, che
invadono e soffocano gettando rifiuti in modo irrispettoso. Il focus è puntato sulla plastica: Nell’installazione l’icona del GenioPop – creata tempo fa dalla stessa artista – diventa essa stessa rifiuto urbano.

“In questo modo – spiega – si vuole riprendere una problematica globale di grande attualità, quale quella dell’inquinamento provocato dalla plastica, che ad oggi richiede ancora un grande impegno personale e sociale per la sua risoluzione”.

L’installazione è accompagnata da un pannello stampato in pvc di dimensioni 50 x 70.

Il progetto “GenioPop” di Francesca Pagliaro, prende spunto dalla figura mitologica del Genio di Palermo e vuole rappresentare la rinascita e il dinamismo socio culturale della città e di quei cittadini che guardano avanti. L’icona del Genio, rivisitata in chiave contemporanea, viene proposta con un linguaggio Pop con l’intenzione di rendere popolari sia l’opera che il mito. L’obiettivo è quello di trasmettere un messaggio rivoluzionario e dal forte valore identitario insito nel mito stesso, che direttamente dal passato diventa contemporaneo. Attraverso l’uso dei canali social più comuni, il GenioPop ha voce e diviene icona itinerante viaggiando per il mondo.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.