15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.08
Palermo

Nell'ambito della collettiva "Rifiuti"

Ecco il “GenioPop della munnizza”, l’installazione-denuncia di Francesca Pagliaro

13 Maggio 2019
'
'
'
'

Guarda le foto in alto

E’ stata inaugurata il 10 maggio 2019 in occasione della mostra collettiva Rifiuti allestita nei locali della biblioteca regionale di corso Vittorio Emanuele, a Palermo, su iniziativa della “Settimana delle culture” ed è l’istallazione: “GenioPop della Munnizza”, realizzata da Francesca Pagliaro.

Un’opera che nasce come denuncia verso l’incuria dei palermitani stessi verso la propria città, Palermo, che
invadono e soffocano gettando rifiuti in modo irrispettoso. Il focus è puntato sulla plastica: Nell’installazione l’icona del GenioPop – creata tempo fa dalla stessa artista – diventa essa stessa rifiuto urbano.

“In questo modo – spiega – si vuole riprendere una problematica globale di grande attualità, quale quella dell’inquinamento provocato dalla plastica, che ad oggi richiede ancora un grande impegno personale e sociale per la sua risoluzione”.

L’installazione è accompagnata da un pannello stampato in pvc di dimensioni 50 x 70.

Il progetto “GenioPop” di Francesca Pagliaro, prende spunto dalla figura mitologica del Genio di Palermo e vuole rappresentare la rinascita e il dinamismo socio culturale della città e di quei cittadini che guardano avanti. L’icona del Genio, rivisitata in chiave contemporanea, viene proposta con un linguaggio Pop con l’intenzione di rendere popolari sia l’opera che il mito. L’obiettivo è quello di trasmettere un messaggio rivoluzionario e dal forte valore identitario insito nel mito stesso, che direttamente dal passato diventa contemporaneo. Attraverso l’uso dei canali social più comuni, il GenioPop ha voce e diviene icona itinerante viaggiando per il mondo.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.