16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39
Palermo

Alle elezioni amministrative del 28 aprile

Elezioni Amministrative: la Lega a Bagheria sostiene Di Stefano

25 Febbraio 2019

“Sosteniamo Gino Di Stefano sindaco di Bagheria rinunciando alla prerogativa di indicare un candidato primo cittadino della Lega perché in questo momento Bagheria ha bisogno di unità, e perché riteniamo che occorra ripartire dai cittadini e dai territori”. Lo dice Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali della Lega, in riferimento al nome del candidato sindaco bagherese del centrodestra per le elezioni amministrative del 28 aprile.

A Bagheria, Di Stefano sarà sostenuto da Lega, #DiventeràBellissima e Udc, e dai movimenti e liste civiche L’Aquilone – Idee in volo per Bagheria e Aspra, Cristiani in Azione per Bagheria, Bagheria in … Comune.

gelardaNon siamo a caccia di poltrone aggiunge Gelarda – ma vogliamo risollevare la nostra terra. E crediamo si possa fare solo lavorando uniti. La Lega in Sicilia costruirà la propria classe dirigente e lo farà dal basso, a partire dai consigli comunali e nelle assemblee. Quando le condizioni lo consentiranno, come adesso a Bagheria, daremo forza ai progetti di rinnovamento della classe dirigente.

La situazione di Bagheria è drammatica – dice ancora l’esponente regionale leghista – . Si è passati dal pessimo governo della sinistra, all’ultima gestione disconosciuta dallo stesso Movimento 5 Stelle, che ha sospeso l’attuale sindaco. Era necessario dare un segnale di maturità ai cittadini. A Bagheria, la Lega vuole costruire e non rompere. Crediamo che ogni cittadino ed ogni sigla politica che voglia determinare il cambiamento della città dovrebbe sostenere questo progetto civico, mettendo di lato le proprie prerogative egoistiche di partito, in nome e per conto dell’interesse dei cittadini. In questa direzione abbiamo incontrato altri partiti: Diventerà Bellissima ed UDC. Speriamo che altri si aggreghino, senza egoismi. C’è posto per chiunque abbia a cuore il futuro di Bagheria”.

“Gino Di Stefano avrà il sostegno della Lega – conclude Gelarda – per dimostrare che i siciliani sappiamo unirci quando è necessario. La situazione a Bagheria è drammatica e non lascia spazio ad egoismi. Gino Di Stefano candidato sindaco avrà tutto il sostegno necessario da parte della Lega per riuscire nel compito”.

 

LEGGI ANCHE:

Elezioni amministrative, Gino Di Stefano: il candidato sindaco di Bagheria per il centro destra

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.