21 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.57

Musumeci può contare su una maggioranza di 36 deputati

Elezioni Sicilia. Ecco i 70 deputati del nuovo Parlamento siciliano

7 Novembre 2017

Si compone la platea dell’Assemblea regionale siciliana che giunta alla sua XVII legislatura sarà composta da 70 deputati, 20 in meno rispetto a quella precedente, per effetto della legge sulla riduzione dei costi della politica voluta dal governo Monti e ratificata nel 2011 da Sala d’Ercole.

Nel nuovo Parlamento siciliano Nello Musumeci potrà contare su una maggioranza, seppur risicata, composta da 36 deputati e così composta: 12 Forza Italia, 5 Udc, 5 Popolari e autonomisti, 4 Diventeràbellissima, 3 FdI-Noi con Salvini, 7 deputati dal listino regionale (compreso Musumeci). Nella minoranza la parte del leone la fa il M5s, con 20 deputati, 19 parlamentari eletti più Giancarlo Cancelleri, come secondo candidato governatore non eletto. Seguono il Pd, con 11 deputati, 2 di Sicilia Futura e 1 per la lista ‘Cento passi’ andato al candidato presidente Claudio Fava.

A PALERMO – Nel Listino del presidente Gianfranco Micciché, per Forza Italia Giuseppe Milazzo, Riccardo Savona e Marianna Caronia. Per Popolari e autonomisti Roberto Lagalla e Totò Cordaro. Per l’Udc Vincenzo Figuccia. Per Noi con Salvini – Fratelli d’Italia Antonino Rizzotto. Per Diventerà bellissima Alessandro Aricò.
Per il M5S Giampiero Trizzino, Salvatore Siragusa, Luigi Sunseri, Roberta Schillaci. Per Cento passi per la Sicilia Claudio Fava. Per il Partito democratico Giuseppe Lupo e Antonello Cracolici. Per Sicilia futura Edmondo Tamajo.

A CATANIA – Per Forza Italia Marco Falcone e Alfio Papale. Per Noi con Salvini – Fratelli d’Italia Gaetano Galvagno. Per Diventerà bellissima Giuseppe Zitelli. Per Popolari e autonomisti Giuseppe Compagnone. Per l’Udc Giovanni Bulla.
Nel Movimento 5 stelle Angela Foti, Gianina Ciancio, Francesco Cappello, Jose Marano. Nel Partito democratico Luca Sammartino e Anthony Barbagallo. Per Sicilia futura Nicola D’Agostino.

Ad AGRIGENTO – Per il Listino del presidente Giovanni Di Mauro. Per Popolari e autonomisti Carmelo Pullara. Per l’Udc Margherita La Rocca Ruvolo. Per Forza Italia Riccardo Antonio e Gallo Afflitto.
Nel Movimento 5 stelle Matteo Mangiacavallo e Giovanni Di Caro. Nel Partito democratico Michele Catanzaro.

A CALTANISSETTA – Nel Listino del presidente Giusy Savarino. Per Forza Italia Michele Mancuso.
Per il Movimento 5 stelle Giancarlo Cancelleri, Nunzio Di Paola. Per il Pd Giuseppe Concetto Arancio.

A ENNA – Nel Movimento 5 stelle Elena Pagana. Nel Pd Luisa Lantieri.

A MESSINA – Nel Listino del presidente Bernardette Grasso e Elvira Amata. Per Forza Italia Luigi Genovese, Tommaso Antonino Calderone. Per Diventerà bellissima Giuseppe Galluzzo. Per Noi con Salvini – Fratelli d’Italia Antonio Catalfamo. Per l’Udc Cateno De Luca.
Per il Movimento 5 stelle Valentina Zafarana e Antonino De Luca. Nel Partito democratico Francesco De Domenico.

A SIRACUSA – Per Forza Italia Rossana Cannata. Per i Popolari e autonomisti Giuseppe Gennuso.
Nel Movimento 5 stelle Stefano Zito e Giorgio Pasqua. Nel Partito democratico Giovanni Cafeo.

A RAGUSA – Per Forza Italia Orazio Ragusa. Per Diventerà bellissima Giorgio Assenza.
Nel Movimento 5 stelle Stefania Campo. Nel Partito democratico Nello Dipasquale.

A TRAPANI – Nel Listino del presidente Mimmo Turano. Per Forza Italia Stefano Pellegrino. Per l’Udc Eleonora Lo Curto (2.187).
Per il Movimento 5 stelle Sergio Tancredi e Valentina Palmeri. Nel Partito democratico Baldo Gucciardi.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.