22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11

E Fava chiede a Musumeci se è favorevole ai termovalorizzatori

Emergenza rifiuti, il monito della Cisl: “Le discariche sono bombe a orologeria”

17 Gennaio 2018

“Se la logica resta quella delle discariche, in tema di rifiuti la Sicilia rimarrà indietro anni-luce rispetto ai Paesi europei più avanzati. E a pagare il conto saranno i cittadini, che continueranno a pagare l’energia una dozzina di euro in più a Mw rispetto al prezzo unico nazionale. E i 10.500 lavoratori del settore”. Si rivolge così la Cisl regionale al governatore Nello Musumeci, stamani, alla vigilia dell’incontro che si terrà a Roma tra il presidente della Regione e il premier Paolo Gentiloni.

I poteri speciali che il governatore chiederà domani al presidente del Consiglio, scrive il sindacato, “hanno senso se puntano ad andare oltre il sistema delle soluzioni-tampone buone solo per far fronte alle emergenze. C’è bisogno di un piano energetico regionale degno di questo nome”, scrive il sindacato per il quale “mettere all’ordine del giorno un’operazione centrata in buona parte sull’ampliamento delle discariche o sulla costruzione di nuove vasche, appare una visione debole e priva di strategia”.

Perché le discariche sono comunque “cambiali in scadenza. Meglio: bombe a orologeria“. E rappresentano un sistema obsoleto che in paesi civili come la Svezia raccoglie appena l’1% degli scarti prodotti. “La Sicilia – sottolinea il sindacato guidato da Mimmo Milazzo – ha bisogno piuttosto di un piano straordinario che sia ispirato alla logica dell’economia circolare. Che abbia al centro il recupero e il riciclo”.

FavaE sulla questione rifiuti, il deputato della sinistra, Claudio Fava interviene così: “Qual è l’opinione di Musumeci sui termovalorizzatori? Vorrei saperlo, perché l’assessore all’Energia designato Alberto Pierobon sostiene che bisogna farli perché la differenziata stenta. Siccome la Sicilia è al 15% di differenziata secondo Pierobon dovremmo bruciare l’85% dei rifiuti solidi urbani”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.