13 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.08
Palermo

Fabrizio Ferrandelli è il capolista

Emma Bonino a Palermo: “Sicilia ponte tra l’Europa e il Mediterraneo” | FOTO

19 Maggio 2019
'
'
'
'
'
'
'

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Lavoro, trasporti, infrastrutture, fondi europei e politiche giovanili: queste le parole d’ordine per la grande assemblea siciliana di +Europa, tenutasi questa mattina al Teatro Orione a Palermo.

Durante l’incontro, a cui hanno partecipato centinaia di cittadini, la storica leader dei Radicali fondatrice di +Europa, Emma Bonino, ha ricordato che “con il voto del 26 maggio i cittadini avranno una grande responsabilità: quella di decidere il futuro di questa Europa. La Sicilia e la Sardegna sono terre dalle grandi potenzialità, un ponte tra l’Europa e il Mediterraneo. Bisogna attrezzarsi e consegnare ai nostri figli un futuro differente”.

Dello stesso avviso, Fabrizio Ferrandelli, capolista, coordinatore regionale di +Europa e della campagna per le europee in Sicilia e Sardegna, sul palco insieme agli altri candidati della circoscrizione insulare: “Quello che è mancato, in Sicilia e Sardegna, è stata una classe dirigente seria e credibile, attrezzata per mantenere le promesse fatte alle persone. Oggi le cose sono diverse, oggi ci siamo noi: da sempre presenti sul territorio, da sempre impegnati a tutela e sostegno delle persone, dei diritti e della dignità”.

+Europa
Il flash mob alla Cala

Palermo è la porta dell’Europa e il 26 maggio – ha detto Ferrandelli – da qui apriremo il cammino per l’affermazione di un progetto solido e concreto che può davvero di cambiare l’Italia partendo da Sud. Basta volerlo”.

Subito dopo l’incontro, dalla Cala di Palermo – il porto della città, luogo di approdo dai tempi dei fenici – è partito il flash mob con una grande bandiera dell’Europa, spiegata dai candidati a simboleggiare la volontà di +Europa di fare di Palermo la porta d’ingresso del continente verso un orizzonte di umanità, solidarietà, sviluppo e diritti.

 

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.