14 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.12
Messina

Aperta un'inchiesta dalla Procura

Eolie: traghetto con 350 turisti si schianta contro uno yacth, cinque feriti | FOTO

20 Agosto 2019
'
'

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Un traghetto con 350 turisti si è scontrato con uno yacht nel mare delle Eolie. Cinque i feriti di cui uno grave. Erano tutti sul vaporetto. Illesi gli occupanti dello yacht. È intervenuta la Guardia Costiera che ha scortato la nave nel porto di Santa Marina Salina dove, ad attenderli in banchina per le cure del caso, vi era il personale del servizio 118 con ambulanza.

Dopo aver fatto sbarcare tutti dal traghetto i militari hanno convocato il comandante del natante, il suo equipaggio ed alcuni passeggeri, in qualità di testimoni oculari, per raccogliere tutte le informazioni ad una prima ricostruzione dei fatti.

Dei cinque passeggeri feriti, quello più grave è stato trasportato con l’elisoccorso del 118 nel Policlinico di Messina mentre gli altri, a bordo dell’unità della Guardia Costiera, sono stati portati e medicati nel pronto soccorso di Lipari. Nel frattempo, lo yacht coinvolto nell’incidente, accertate le buone condizioni di salute degli occupanti ed in discrete condizioni di navigabilità, è stato dirottato verso il porto di Lipari dove ad attenderli vi era il personale della Guardia Costiera.

È stata aperta un’inchiesta dalla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, e dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari per accertare le dinamiche dell’incidente ed accertare le eventuali responsabilità.

Il turista rimasto ferito avrebbe riportato un trauma cranico. L’imbarcazione carica di turisti era partita da Capo D’Orlando. Doveva far fare ai passeggeri un tour delle Eolie e in serata rientrare in terraferma.

Nelle 7 isole c’è anche una presenza record di natanti grandi e piccoli: circa 5 mila. Qualche sera fa si era registrato un altro incidente vicino ai faraglioni. Uno yacht di 15 metri era finito sugli scogli a pelo d’acqua e aveva rischiato di affondare. I turisti erano stati soccorsi da una motovedetta della guardia costiera, mentre lo yacht è stato trainato in porto. Una trentina sono i vaporetti che ogni giorno arrivano dalla Sicilia e dalla Calabria. Le isole più ambite per le gite sono Vulcano, Lipari, Stromboli e Panarea.

LE INDAGINI

La collisione tra il vaporetto e lo yacht avvenuta nel pomeriggio si è verificata nel canale tra Lipari e Salina. La Capitaneria di Porto ha già avviato i primi accertamenti. Il comandante Francesco Principale ha iniziato gli interrogatori degli equipaggi per accertare quale delle due imbarcazioni non abbia rispettato la precedenza. Il vaporetto era diretto a Salina, mentre lo yacht con cinque turisti di Salerno era diretto a Filicudi. Il turista che ha riportato il trauma cranico è ricoverato al Policlinico di Messina.

Secondo le prime ricostruzioni, sarebbe del vaporetto che proveniva da Capo D’Orlando, scontratosi con uno yacht, la responsabilità dell’incidente. Il comandante non avrebbe rispettato la precedenza travolgendo il natante.

Negli uffici della Capitaneria di Porto di Lipari e di Salina proseguono intanto gli interrogatori del comandante dell’ imbarcazione e del proprietario dello yacht. Le indagini sono condotte dal pm della procura di Barcellona Alessandro Liprino. I 4 feriti trasportati al pronto soccorso dell’ospedale di Lipari hanno riportato leggere contusioni, un quinto turista è stato ricoverato al Policlinico di Messina per un trauma cranico.

I SOCCORSI

I 4 feriti trasportati al pronto soccorso dell’ospedale di Lipari hanno riportato leggere contusioni, un quinto turista è stato ricoverato al Policlinico di Messina per un trauma cranico.

“Abbiamo effettuato la Tac e gli altri esami previsti in casi di questo genere e sono andati tutti bene. Il ferito ha solo riportato un lieve trauma cranico ed è sotto shock, ma complessivamente le sue condizioni non sono gravi“. A dirlo la professoressa Mara Gioffré, direttrice del Pronto Soccorso del Policlinico di Messina dove è stato trasportato in elisoccorso l’uomo ferito oggi nello scontro tra uno yacht e un vaporetto in mare a Lipari. “Quindi al momento il quadro clinico dell’uomo – prosegue Gioffré – non desta particolari preoccupazioni ma dovrà rimanere in ospedale per 24 ore per sicurezza”.

 

 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.