14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.44
Palermo

i giudici danno ragione all'accusa

Esami comprati e false lauree all’Università di Palermo, tredici condannati fra dipendenti e studenti

14 Giugno 2019

“Quegli esami erano fasulli e le lauree erano state comprate”. Lo hanno stabilito i giudici della terza sezione del tribunale di Palermo che hanno condannato 13 dei 15 imputati del processo sugli esami comprati e sulle false lauree dell’Università del capoluogo siciliano. La pena più alta è toccata a Rosalba Volpicelli, impiegata dell’ateneo, che ha avuto 8 anni, mentre il suo collega Ignazio Giulietto ne ha avuti 2 e mezzo.

Condannati anche gli ex studenti Walter Graziani e Alexandra Ntonopolou, che hanno avuto 5 anni ciascuno; Andrea Tomasello, 3 anni e 8 mesi; Giuseppe Gennuso e Nunzio Fiorello, 3 anni a testa; Giuseppe Ciciliato, Paolo Coviello, Carlo Gaglio, Caterina Guddo e Francesca Pizzo (2 ciascuno), Giuseppe Capodici (1 anno e sei mesi). Assolto solo Riccardo Della Vecchia, prescrizione per Ilenia Messina.

Durante la sua requisitoria, il pm Amelia Luise aveva sottolineato come il sistema avesse consentito di caricare le materie sul programma informatico dell’Università, in particolare nelle facoltà di Economia, Architettura e Ingegneria. L’indagine fu condotta dalla sezione pubblica amministrazione della Squadra mobile di Palermo.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.