26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28

I sindacati: "Nessuna risposta dalla Regione"

Ex sportellsiti: Flc Cgil e Uil Scuola Sicilia chiedono incontro con l’assessore

7 Febbraio 2019

Si rincorrono le voci sul ricollocamento degli ex dipendenti degli sportelli multifunzionali della Regione Siciliana. Dopo anni di attesa e promesse continue i lavoratori sono ormai esasperati. Sarebbero dovuti ritornare al lavoro entro il 16 gennaio, ovvero entro i 180 giorni previsti dalla norma approvata nella scorsa primavera dall’Ars che prevedeva il loro riutilizzo nei Centri per l’impiego.

A questi il governo nazionale ha affidato la gestione del reddito di cittadinanza. Da allora i termini sono abbondantemente scaduti senza che nessuno sia stato chiamato. E anche l’incontro del 24 gennaio tra l’assessore Lagalla e i vertici del Ministero dello Sviluppo economico non ha sortito effetti concreti.

Una governance della vertenza che non è vista bene dal segretario del Sinalp, Gaetano Giordano“Nell’interesse dei lavoratori – ha detto qualche giorno fa – ci auguriamo vivamente che questo non sia l’ennesimo tentativo di dirottare sul Governo Nazionale, le innumerevoli responsabilità del Governo Regionale Siciliano”.

Ieri, invece, hanno preso la parola Cgil e Uil. “Non c’è stato alcun confronto con le organizzazioni sindacali sul futuro dei 1.700 ex sportellisti ma soprattutto sull’ultima delibera di giunta che richiama materie relative al contratto del comparto della formazione professionale e che coinvolge i lavoratori dell’Elenco unico ad esaurimento. Abbiamo chiesto diversi incontri e fornito proposte per tutelare questi lavoratori, ma sino ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta”. Lo dicono Claudio Parasporo e Ninni Panzica della Uil Scuola e Graziamaria Pistorino della Flc Cgil, che hanno chiesto un incontro urgente all’assessore Ippolito.

“I 1.700 – spiegano – ex sportellisti resteranno fuori da tutto. La Regione ha, infatti, tagliato i fondi che potevano servire a reimpiegare questi lavoratori che hanno le giuste competenze per questo tipo di servizio. Secondo il decreto nazionale i ‘navigator’ dovrebbero avere determinati requisiti, aspettiamo di capire se la quota spettante alla Sicilia avrà le stesse caratteristiche e modalità di reclutamento e se coinciderà con il fabbisogno rilevato dal dipartimento Lavoro e se le Regioni saranno libere di assumere dal bacino già individuato. Abbiamo bisogno di risposte e trasparenza”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.