22 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 09.52
Palermo

Presentata una corposa memoria difensiva

Fallimento Palermo Calcio. Giammarva rassicura. Il legale: “nessun rischio”

7 dicembre 2017

Il presidente del Palermo Calcio, Giovanni Giammarva, e il legale, Francesco Pantaleone, non sono preoccupati per l’istanza di fallimento che pende sulla testa del club rosanero. Entrambi sono convinti che la società di viale del Fante riuscirà a dimostrare che la situazione economica non è così come viene descritta dalla Procura e che il Palermo non ha problemi tali che compromettono la tenuta dei conti.

Oggi si è tenuta la prima udienza presso la II Sezione civile del Tribunale di Palermo, davanti al giudice delegato Giuseppe Sidoti, al termine della quale Giammarva e Pantaleone hanno parlato con i giornalisti. La Procura contesta alla società di Maurizio Zamparini un buco da 70 milioni di euro. A tal proposito è stata depositata una corposa memoria difensiva che si aggiunge alla consulenza di parte già depositata in precedenza. Sul Palermo, inoltre, pende anche un’inchiesta penale: tra le ipotesi di reato appropriazione indebita, riciclaggio e impiego di proventi di provenienza illecita.

“Ho avuto sempre molta serenità e fiducia, siamo al cospetto di magistrati bravissimi. Avendo visto le carte non ho avuto dubbi”, ha detto il presidente che poi ha aggiunto: “Se i tifosi possono stare tranquilli? Dal mio punto di vista sí, poi è il Tribunale che deve decidere. Spero che la decisione arrivi presto per tanti motivi”.

Anche rispetto al comportamento che la società assumerà in vista del mercato di gennaio alle porte Giammarva e Pantaleo non lasciano trapelare nessuna inquietudine. “Non vorrei rilasciare commenti, il settore sportivo lo lasciamo al direttore Lupo e al presidente Zamparini. Io ribadisco piena fiducia nella Procura e nel Procuratore capo: quello che ho letto ed esaminato ci fa stare molto tranquilli e sempre di più, per fortuna. C’è massima fiducia”. Ancora più nette le parole di Pantaleone: “non riteniamo che ci siano rischi di fallimento e il mercato di gennaio sarà sereno”.

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...