17 novembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 18.57
Due profumi straordinari: la spuma bianca delle onde il finocchietto selvatico

Falso d’autore ignoto 2: bucatini con le sarde a mare

7 giugno 2017

Carissimo Ugo, anche oggi voglio proporTi un altro VERO FALSO D’AUTORE IGNOTO della cucina popolare palermitana

Un piatto VEGETARIANO

  • Vegetariano ? Gigi, ma che dici se leggo “Bucatini con le sarde ammare”, non sarò cuoco, ma sono siciliano e so che le sarde sono pesci
  • Carissimo Ugo ti sbalordirò, ma prima Ti voglio raccontare una storia.

In Sicilia, ma a Palermo in particolare esiste una “Cucina di emulazione” che nasce dall’esigenza di creare piatti sempre diversi con ingredienti spesso uguali.

Questa cucina ha diverse matrici : l’autoironia che i palermitani hanno appreso dai Fenici e dagli Ebrei della Meschita, era un modo di fare il verso alla cucina dei Monsù, la voglia di rendere la tavola, anche se per poco tempo, un momento di rilassamento e di abbandono dei propri crucci e degli affanni quotidiani( ‘a tavula è trazzera), e poi, le popolane palermitane, e non solo loro, sanno che a tavola come a letto la peggior ricetta è

‘a minestra arriquariata !

Ecco che da questa fantasia femminile nascono i “bucatini con le sarde a mare “ che hanno oltre un milione di tentativi d’imitazione, ma che hanno per certa la salvezza delle sarde che resteranno ancora libere di nuotare nell’azzurro mar di Sicilia, per questo è un piatto vegetariano o se più Ti piace “pescetariano” come diceva da piccola mia figlia Martina.

I bucatini con le sarde a mare custodiscono due profumi straordinari quello della spuma bianca delle onde del NOSTRO MARE e quello del finocchietto selvatico appena raccolto nelle nostre colline che NOI BAROCCHI SICILIANI continuiamo a chiamare “montagna”, è un piatto “dove la passolina e l’acciuga salata si sposano, il verde e il rosso si amalgamano, il dolce e il salato si baciano “.

Nei bucatini con le sarde a mare io rivedo la sinfonia di colori, di profumi e di sapori che la NOSTRA AMATISSIMA SICILIA racchiude e che un giorno spero possa musicare il mio amico Marco Betta

Questa è la ricetta che Ti preparerò tra poco. Ingredienti per 4 amici :

500 gr di Bucatini

250 gr di finocchietto selvatico fresco di raccolto “coto d’ora”

4 filetti di alici sott’olio

passolina abbondante

un paio di cucchiai di pinoli tostati

60 gr di “astratto”, sestuplo elioconcentrato di pomodoro

un paio di stimmi di zafferano

olio di frantoio, pepe e muddica atturrata q.b.

Dopo aver pulito il finocchietto togliete la parte più dura e lessatelo, dopo cotto scolatelo e tritatelo finemente a coltello. NON BUTTATE L’ACQUA : ci lesserete i bucatini al momento opportuno.

In una padella riscaldate l’olio di frantoio, aggiungete i filetti di acciuga e fateli sciogliere; aggiungete i pinoli, la passolina e infine il finocchietto tritato e lo zafferano sciolto nell’acqua calda.

ARRIMINATE, fate insaporire e aggiungete l’ASTRATTO diluito in poca acqua di cottura del finocchietto, fate stringere il sugo a fiamma dolce

Nell’ acqua del finocchietto, portata a ebollizione, cuocete i bucatini

TIRATELI FUORI “INGRIDDI”, al dente, e “arriminateli” nella padella col sugo aggiungete una spolverata di pepe macinato fresco e coprite con la MUDDICA ATTURRATA….e

BUON APPETITO

Il Vostro #cuocoperamico

 

Tag:
LiberiNobili di Laura Valenti
Una grande scoperta in neuroscienze: il fattore Mozart
Senza che ce ne rendiamo conto, la Scienza continua a evolvere, grazie a menti eccelse come quella di Vincenzo Galatro, docente, autore e ricercatore in Neuroscienze e Psicologia cognitiva, di fama internazionale, massimo esperto mondiale sul cervello di Mozart oltre che enfant prodige.
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...