19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Palermo

L'ex viceministro a Palermo

Fassina e il Sud: “Servono investimenti pubblici per creare lavoro” | videointervista

4 Marzo 2019

Guarda il video in alto

Siamo per la sovranità di cui parla l’articolo 1 della Costituzione, l’equiparazione con il sovranismo è strumentale“. Stefano Fassina blocca sul nascere le possibili connessioni fonetico-semantiche che potrebbero scaturire dall’accostamento tra i due concetti di sovranismo e sovranità.

L’ex viceministro è intervenuto a Palermo al convegno su “Europa, Sovranità Costituzionale e Mezzogiorno”, che si è svolto nella Sala Mattarella dell’Assemblea Regionale Siciliana.

Con lui c’erano anche Sergio Tancredi, deputato del Movimento 5 Stelle, e Cesare Garofalo, docente dell’Università di Catania. L’evento era organizzato dalle Associazioni Patria e Costituzione e Laburisti per il Sud, ed è stato introdotto da Tommaso Lima e Federica Aluzzo, componenti di Patria e Costituzione. Ha partecipato anche di Antonio Dolce portavoce di Laburisti per il Sud.

Fassina parla anche di uno dei temi all’ordine del giorno dell’agenda politica: “Evitare la sciagurata legge sull’autonomia differenziata – è uno dei punti della politica prospettata da Fassina – La Lega rimane Lega Nord, nonostante le parole di Salvini. Nel Mezzogiorno servono investimenti pubblici, senza le imprese fanno fatica a sopravvivere. Noi siamo favorevoli al reddito di cittadinanza, ma pensiamo a un ‘lavoro di cittadinanza’: servono investimenti pubblici che diano un lavoro a chi oggi si troverebbe nelle condizioni di averle il rdc“, conclude l’ex viceministro.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.