19 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.48
Palermo

L'ex viceministro a Palermo

Fassina e il Sud: “Servono investimenti pubblici per creare lavoro” | videointervista

4 Marzo 2019

Guarda il video in alto

Siamo per la sovranità di cui parla l’articolo 1 della Costituzione, l’equiparazione con il sovranismo è strumentale“. Stefano Fassina blocca sul nascere le possibili connessioni fonetico-semantiche che potrebbero scaturire dall’accostamento tra i due concetti di sovranismo e sovranità.

L’ex viceministro è intervenuto a Palermo al convegno su “Europa, Sovranità Costituzionale e Mezzogiorno”, che si è svolto nella Sala Mattarella dell’Assemblea Regionale Siciliana.

Con lui c’erano anche Sergio Tancredi, deputato del Movimento 5 Stelle, e Cesare Garofalo, docente dell’Università di Catania. L’evento era organizzato dalle Associazioni Patria e Costituzione e Laburisti per il Sud, ed è stato introdotto da Tommaso Lima e Federica Aluzzo, componenti di Patria e Costituzione. Ha partecipato anche di Antonio Dolce portavoce di Laburisti per il Sud.

Fassina parla anche di uno dei temi all’ordine del giorno dell’agenda politica: “Evitare la sciagurata legge sull’autonomia differenziata – è uno dei punti della politica prospettata da Fassina – La Lega rimane Lega Nord, nonostante le parole di Salvini. Nel Mezzogiorno servono investimenti pubblici, senza le imprese fanno fatica a sopravvivere. Noi siamo favorevoli al reddito di cittadinanza, ma pensiamo a un ‘lavoro di cittadinanza’: servono investimenti pubblici che diano un lavoro a chi oggi si troverebbe nelle condizioni di averle il rdc“, conclude l’ex viceministro.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.