22 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.46
Messina

il sindaco commenta il delitto di Alessandra Musarra

Femminicidio a Messina, De Luca: “Perchè uccidere le donne? Basta con questi atti criminali”

8 Marzo 2019

“Perché uccidere le donne? Alla vigilia della festa delle donne abbiamo dovuto assistere ad un altro episodio di femminicidio, all’ennesimo atto di criminale violenza sulle donne: stavolta è toccato alla trentenne Alessandra Musarra di Santa Lucia sopra Contesse, villaggio popolare della periferia di Messina. Non è ammissibile che prosegua questa mattanza“. Così il sindaco di Messina, Cateno De Luca, commenta l’ennesimo caso di femminicidio, che stavolta ha interessato la Città dello Stretto.

Christian Ioppolo, 26 anni, ha ammesso di avere ucciso la fidanzata di 28 anni, Alessandra Immacolata Musarra, trovata morta nel letto della propria abitazione. Ioppolo, ha confessato di essere lui l’assassino dopo un lungo interrogatorio in Questura, confermando i sospetti degli inquirenti. Il giovane ha detto di avere agito per gelosia.

“Ci troviamo di fronte all’ennesimo caso di femminicidio, consumato dal fidanzato che ha pestato a sangue fino alla morte la povera Alessandra. Non c’è dubbio che in questi momenti prevale in certi uomini quel senso di inferiorità da colmare con il gesto estremo del femminicidio. Oggi e domani le bandiere di Palazzo Zanca sventoleranno a mezz’asta in segno di lutto. Non ci resta che pregare per Alessandra ed i suoi cari con la speranza che certi uomini sfoghino il loro senso di inferiorità rispetto alla donna con altri gesti ed altre forme compensative delle proprie psicosi”.

 

LEGGI ANCHE:

Donna trovata morta a Messina, il fidanzato confessa l’omicidio

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.