16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.24

Otto milioni quelli domestici secondo le statistiche

Festa nazionale del gatto: una giornata dedicata al “miglior amico della famiglia”

17 Febbraio 2019

Qualcuno ha detto che i gatti sono angeli con baffi: pur non volendo attribuire nessun aspetto mistico a questo animale, di sicuro un alone di insondabile mistero lo distingue da tutti gli altri mammiferi.

Sarà per questo che, secondo statistiche e stime nazionali, sono circa otto milioni i gatti che vivono tra le mure domestiche (sette milioni circa i cani), condividendo con gli esseri umani peculiare energia.

gatto

La loro presenza è diventata così “familiare” che è stata istituita una giornata nazionale del gatto, il 17 febbraio appunto, per onorarli e festeggiarli nel modo che a loro piace di più: con coccole e carezze.

Da sempre indicati come gli animali più indipendenti, non a caso in Italia si è scelto il mese di febbraio per la loro festa, mese legato al segno zodiacale dell’Aquario che rappresenta gli “spiriti liberi“, dal 2002 hanno un giorno dedicato a loro così come ha stabilito l’International Fund for Animal Welfare (Ifaw).

Animali fortemente simbolici, protagonisti nei secoli di storie e leggende, a cui si attribuisce tra l’altro la capacità di essere un ponte tra l’umano e la dimensione spirituale, perché ritenuti connessi con l’energia oscura dell’Universo, legata a riti della dea Madre, erano venerati dagli Antichi Egizi, soprattutto nella rappresentazione della dea Bastet dalle sembianze feline, associata alla fecondità e alla maturità.

C’è chi come, Albert Schweitzer, li ha definiti “rifugio dalle miserie della vita“, di sicuro, secondo ricerche mediche, la loro presenza accanto all’uomo ne migliora la qualità di vita e la longevità.

E allora, per quanto, i nostri amici a quattro zampe, siano ogni giorno al centro delle nostre attenzioni, oggi ancor di più meritano coccole e gentilezza.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.