26 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.09
Palermo

sono 10 in totale tra selezionati e volontari

Festino di Santa Rosalia: al via la costruzione del Carro con i detenuti dell’Ucciardone | VIDEO

29 Aprile 2019

Guarda le video interviste in alto

Saranno dieci i detenuti, tra cui alcuni volontari, che presteranno il loro lavoro, all’interno dell’Ucciardone, per la realizzazione del Carro Trionfale di Santa Rosalia per l’edizione 2019.

Fabrizio Lupo
Fabrizio Lupo

Lo chassis del Carro, nei giorni scorsi, è stato spostato in un’area interna del carcere, ci ha detto Vincenzo Montanelli, direttore organizzativo del Festino, in modo da rendere produttivo e sinergico il lavoro di tutti i detenuti, alcuni selezionati e altri volontari, che saranno guidati da due esperti, un falegname e un mastro fabbro ferraio, già collaboratori storici di Fabrizio Lupo, scenografo nonché progettista del Carro Trionfale di questa edizione.

Sarà, invece, Alessia D’Amico la tutor che coordinerà il lavoro degli allievi dell’Accademia delle Belle Arti di Palermo coinvolti nel progetto, che, dopo aver già realizzato il modellino del Carro in scala 1 a 10, procederanno al suo sviluppo.

Lo spunto per l’idea del Carro è nato dall’osservazione del lavoro degli studenti di uno dei corsi del CIPIA (Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti) Palermo 1, condotto da Vincenzo Merlo, che da cinque anni realizzano, tra le altre cose, gli sgabelli artistici attraverso il recupero di arredi dismessi del carcere; due di questi sono stati già donati a Papa Francesco e all’Arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice.

Francesco Rappa
Francesco Rappa

All’inizio ufficiale dei lavori erano presenti anche tutti e dieci i detenuti che realizzeranno il Carro, che hanno manifestato tutto il loro entusiasmo e la loro emozione per l’eccezionalità della circostanza.

Poter contribuire – ci ha detto Francesco Rappa – alla festa più importante a Palermo è avere la possibilità di dimostrare che anche se abbiamo commesso degli errori siamo in grado di fare del bene  per la nostra città“.

Guarda la fotogallery sotto 

 

 

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.