14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.29

la dichiarazione durante la festa del partito

Figuccia a Cesa (Udc): “Scendiamo in piazza contro il governo Pd-Cinquestelle, trasformisti qualunque”

15 Settembre 2019

A Fiuggi una grande opportunità messa in campo per tutti i siciliani e gli Italiani che credono ancora che la politica debba occuparsi di stare vicino alla gente per affrontare e risolvere i problemi. Tantissimi giovani, consiglieri comunali, sindaci, consiglieri regionali arrivati da ogni parte d’Italia, dal sud Tirol alla provincia di Ragusa“, afferma Vincenzo Figuccia, deputato regionale dell’Udc, alla festa del partito in corso a Fiuggi.

Le proposte sono tutte sul piano programmatico ma anche su quello delle alleanze. Unanime la voce che vede collocato il partito in opposizione dura al governo giallo-rosso“, aggiunge il deputato regionale.

Per questa ragione ho chiesto al segretario nazionale Lorenzo Cesa che il 19 ottobre l’Udc possa essere in piazza, ma non per chiedere un
ritorno al voto che non ci sarà poiché questi non lasciano la poltrona neanche con le bombe, ma per ripartire dai problemi reali e per
avviare una nuova fase che parta dal contrastare l’attuale governo, continuando la sua azione al fine di riportare il centrodestra unito
alla guida del Paese“, afferma Figuccia.

Auspico che da qui ad allora i nostri senatori siano usciti da Forza Italia per affermare l’identità e i valori dello scudocrociato. Sono convinto inoltre che dobbiamo chiedere una modifica del sistema elettorale in chiave proporzionale per dare valore alle scelte del popolo e rappresentare la parte sana che ha fatto grande il paese con Sturzo e De Gasperi. Rappresentiamo la forza della concretezza e della ragionevolezza e a partire dai temi del sud, del lavoro e della tutela dell’ambiente sapremo guidare una nuova fase di rinascita per il Paese”, conclude Vincenzo Figuccia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.