13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.32
Caltanissetta

NELL'AMBITO DELL'OPERAZIONE LULU'

Fiumi di droga nel Nisseno, arrestate undici persone

11 Settembre 2019

Una vera e propria rete organizzata e specializzata nello spaccio di droga. Questo sarebbe lo scenario in cui si colloca la c.d. “operazione Lulù“, condotta nella notte dai militari della Compagnia Carabinieri di Caltanissetta, unitamente al personale del Comando Provinciale di Caltanissetta, dalla Compagnia di Cantù, dalla Compagnia di Canicattì e un’unità antidroga del Nucleo Cinofili di Palermo.

Su disposizione dell’autorità giudiziaria nissena, i militari hanno eseguito un ordinanza di custodia cautelare, nonché misura degli arresti domiciliari e dell’obbligo di dimora presso il Comune di residenza, disposti nei confronti di 11 soggetti, ritenuti a vario titolo responsabili della commissione del delitto di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e concorso in associazione a delinquere finalizzata allo spaccio.

L’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Caltanissetta, è stata emessa a seguito di articolata attività d’indagine partita nel 2016 e condotta dalla Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Caltanissetta, unitamente alla Tenenza Carabinieri di San Cataldo, coordinati dalla locale Procura, che ha consentito di disarticolare una consorteria criminale operante sul territorio di San Cataldo, dedicata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Durante le attività d’indagine, servendosi di mirate attività d’intercettazione, oltre ad accertare il vincolo associativo tra i diversi componenti del sodalizio criminale, si appuravano le responsabilità di Michele Cordaro, riconosciuto come organizzatore e promotore dell’intera rete criminale. Il tutto è stato reso possibile dalla condizione del vincolo associativo di tipo mafioso nel quale Cordaro risulterebbe tutt’ora coinvolto.

 

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Grazie a Dio è Venerdì Jean-Jacques

Ho seguito la politica sui mezzi di comunicazione informatica fino al suggello dell’esito della crisi, attraverso i social e mi sono fatto un po' di domande sulla loro infallibilità. Ci si può fidare un "computerone"? È vera la completa assenza di un moderatore fisico in grado di influenzare e ribaltare le scelte del sistema informatico.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.