16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.59

Folla per l’ultimo saluto al maestro Camilleri | FOTO

18 Luglio 2019
'
'

SCORRI LE FOTO IN ALTO

C’è il cuscino di rose rosse degli amici di Porto Empedocle, c’è il biglietto della pro-nipote Matilda, c’è la corona di fiori della Presidenza della Repubblica e tanta gente in fila al cimitero Acattolico di Roma per l’ultimo saluto allo scrittore Andrea Camilleri.

I funerali si sono svolti in forma privata e ora i fan possono dare l’ultimo saluto al papà del Commissario Montalbano, sepolto nel cimitero all’ombra della piramide Cestia conosciuto come il “cimitero degli inglesi”. È sepolto li anche Antonio Gramsci.

Fino alle 20 sarà possibile visitare il cimitero acattolico di Testaccio. Una fila lunghissima e ininterrotta dalle 14.30 di romani e fan dello scrittore siciliano. In tanti con fiori, bigliettini e libri di Montalbano aspettano di salutare e lasciare un pensiero a Camilleri sepolto all’ombra di un grande cipresso vicino all’angelo della Resurrezione. Anche tanti amici, scrittori, politici, in fila per salutare lo scrittore siciliano.

“Qui avrà tanti compagni con cui parlare”: queste le parole che Andreina Camilleri oggi pomeriggio ha pronunciato di fronte alla tomba del padre Andrea.

Presente anche Nicola Lagioia, scrittore e direttore del salone del libro di Torino: “È diventato lo scrittore italiano più famoso al mondo inventandosi una lingua con una capacità di scrittura incredibile, e poi era un uomo di infinita generosità. Mi ricordo che è stato uno dei primi a sostenerci quando abbiamo occupato il teatro Valle”. 

 

LEGGI ANCHE:

È morto Andrea Camilleri, aveva 93 anni

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.