23 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.39

terminato domenica 19 maggio

Formazione soccorso alpino tra Monte Pellegrino e Monte Gallo: termina il modulo “roccia”

20 Maggio 2019

E’ giunto al termine domenica 19 maggio, dopo quattro giorni intensi e impegnativi, il corso di formazione per Operatori di Soccorso Alpino (OSA).

Il conseguimento della qualifica è un passaggio obbligatorio per tutti i tecnici che avranno ruoli operativi negli interventi di soccorso per gli infortunati nell’esercizio delle attività alpinistiche, escursionistiche e speleologiche.

Durante corso di formazione, tenutosi tra Monte Pellegrino e Monte Gallo, gli istruttori regionali hanno illustrato e applicato le tecniche di movimentazione in qualsiasi ambiente, le manovre di soccorso e di gestione della barella in parete e su terreno impervio.

A questa parte del corso denominata modulo roccia seguiranno, durante il prossimo inverno, il modulo neve e il modulo ghiaccio.

Completate le tre formazioni seguiranno le verifiche che, se superate, consentiranno ai 15 aspiranti operatori provenienti da tutta la Sicilia, di acquisire la qualifica OSA e con essa la piena operatività all’interno del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) e la possibilità di accedere a qualifiche superiori secondo i piani formativi nazionali.

Hanno presenziato all’evento formativo il presidente regionale del soccorso alpino ed il vice delegato della XXI delegazione, mentre hanno collaborato alle operazioni tecniche, tecnici e quadri della Stazione Palermo-Madonie del soccorso Alpino.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.