19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56

terminato domenica 19 maggio

Formazione soccorso alpino tra Monte Pellegrino e Monte Gallo: termina il modulo “roccia”

20 Maggio 2019

E’ giunto al termine domenica 19 maggio, dopo quattro giorni intensi e impegnativi, il corso di formazione per Operatori di Soccorso Alpino (OSA).

Il conseguimento della qualifica è un passaggio obbligatorio per tutti i tecnici che avranno ruoli operativi negli interventi di soccorso per gli infortunati nell’esercizio delle attività alpinistiche, escursionistiche e speleologiche.

Durante corso di formazione, tenutosi tra Monte Pellegrino e Monte Gallo, gli istruttori regionali hanno illustrato e applicato le tecniche di movimentazione in qualsiasi ambiente, le manovre di soccorso e di gestione della barella in parete e su terreno impervio.

A questa parte del corso denominata modulo roccia seguiranno, durante il prossimo inverno, il modulo neve e il modulo ghiaccio.

Completate le tre formazioni seguiranno le verifiche che, se superate, consentiranno ai 15 aspiranti operatori provenienti da tutta la Sicilia, di acquisire la qualifica OSA e con essa la piena operatività all’interno del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) e la possibilità di accedere a qualifiche superiori secondo i piani formativi nazionali.

Hanno presenziato all’evento formativo il presidente regionale del soccorso alpino ed il vice delegato della XXI delegazione, mentre hanno collaborato alle operazioni tecniche, tecnici e quadri della Stazione Palermo-Madonie del soccorso Alpino.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.