21 ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 01.23
Palermo Ricoverato in Cardiologia aveva fatto un video

Formiche in corsia, trasferiti i pazienti del Civico di Palermo. Blitz dei Nas

11 ottobre 2017

Tornerà operativo domani il reparto di Terapia intensiva coronarica dell’ospedale Civico di Palermo. È quanto assicura il direttore generale dell’Azienda sanitaria, Giovanni Migliore, che interviene in merito alla notizia della chiusura del reparto per la presenza di formiche.

La Direzione Sanitaria Aziendale – precisa Migliore – ha esclusivamente disposto il trasferimento temporaneo dei pazienti attualmente ricoverati presso la Utic del reparto di cardiologia in altre unita’ del medesimo presidio, onde consentire un intervento di disinfestazione straordinaria che conclude un ciclo di 20 interventi, condotti dall’inizio dell’anno nell’ambito delle consuete e periodiche attività di sanificazione poste in essere ‘routinariamente’ in tutti i reparti“.

L’intervento – puntualizza – è in corso e pertanto, domani, subito dopo la pulizia delle sale, riprenderà  la normale attività di ricoveroPare opportuno sottolineare – aggiunge – che l’azienda, oltre alla normale attività di pulizia, ogni mese effettua in media 15 interventi programmati che raddoppiano nei mesi estivi“.

Intanto però, in mattinata il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha inviato i carabinieri dei Nas per un’ispezione. I Nas sono stati allertati, secondo quanto si apprende, dopo che la direzione sanitaria aziendale dell’ospedale ha disposto il trasferimento temporaneo dei pazienti ricoverati nell’unità di terapia intensiva coronarica del reparto di Cardiologia in altri unità dell’ospedale, per consentire la disinfestazione straordinaria a causa della presenza di formiche.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Non mi appassiono
Perché non mi appassiono più alle vicende elettorali? Alla politica? In realtà non ho mai trovato grande trasporto per la materia... in passato mi sono cimentato con successo nelle competizioni, ma anche lì non ho nascosto un certo disagio...
LiberiNobili di Laura Valenti
La medicina è un’arte, non una garanzia
In media, si preferisce andare dal medico per qualunque questione di salute, dall’influenza alla schizofrenia, dalla sclerosi multipla alla sindrome di Tourette. Tuttavia non è una garanzia di cura né è detto che sia la migliore strategia.
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Vecchie e nuove povertà
Un fenomeno che contribuisce notevolmente alla disgregazione sociale e a insinuare un clima di insicurezza, di sfiducia e di rassegnazione.