20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.57

I movimenti nel centrodestra di Sicilia

Fratelli d’Italia ma non di Sicilia. La solitudine di un partito in cerca d’autore

13 Luglio 2018

La politica ha i suoi tempi, si sa, le sue regole, e spesso necessita dei suoi azzardi. Fratelli d’Italia, il partito di Giorgia Meloni, al governo in Sicilia con Nello Musumeci, rischia di restare incastrato e quindi nel lungo periodo, fagocitato, dall’onda lunga di Matteo Salvini.

Il leader leghista non ha fatto mistero con le sue scelte e le strategie che al momento risultano visibili e chiare, anche in prospettiva, di non volere cercare accordi e fusioni con altri partiti della coalizione, Forza Italia in testa, contando su un un trend particolarmente favorevole che consentirebbe lo svuotamento naturale dei partiti degli alleati di coalizione.

Tradotto e applicato alla realtà siciliana, o Fratelli d’Italia si mette a girare sui territori dell’Isola, oppure rischia di ritrovarsi ai minimi termini con una rappresentanza che potrebbe anche essere azzerata da qui alle prossime Europee del 2019.

Il linguaggio infatti che già circola nel mondo in espansione dei leghisti di Sicilia, contiene già gran parte dei riferimenti culturali e anche ideologici di un partito (Alleanza Nazionale) che anche in Sicilia prima del 2008, quando poi confluì nel Pdl, non era mai sceso sotto il 12, 13%.

Cosa resta oggi di quella eredità?

Un calcolo sicuramente sbagliato è quello da parte di FdI di pensare di essere l’approdo naturale per Nello Musumeci. Il governatore siciliano ha più volte fatto chiarire di essere “solo un tesserato di #diventerabellissima” e di non avere per la testa una specifica idea di militanza, essendo particolarmente concentrato sulla già complessa e articolata attività di governo.

In altre parole, l’inerzia breve delle regionali, a malapena proseguita alle Politiche, rischia di diventare una traccia affievolita. Ne hanno consapevolezza i dirigenti locali del partito che alle ultime amministrative hanno provato a strappare il massimo da ogni risultato.

E qui entra in campo il piccolo o grande azzardo. Se Fratelli d’Italia non proverà a giocare partite autonome sui territori, a cercare personaggi e leader anche locali da far crescere, a piazzare protagonisti nella narrazione della stagione di governo alla Regione, la fiamma si spegnerà prima del previsto, prendendo un’insolita e inusuale sfumatura di luce verde all’orizzonte.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.