21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.23
Catania

La giunta dà il via libera alla nascita della nuova società pubblica

Fusione di Cas e Anas, in bilico tra pubblico e privato. Possibile l’introduzione di nuovi pedaggi

30 Gennaio 2017

La Regione accelera sulla fusione fra il Cas (Consorzio autostrade siciliane) e l’Anas. Un maxi emendamento alla Finanziaria approvato dalla giunta prevede la trasformazione del Consorzio in una nuova società pubblica – si parla di renderla attiva già da giugno – che potrà subito vendere le proprie quote. Nell’accordo siglato tra le due parti si attesta che “successivamente alla costituzione della società le azioni della stessa devono essere liberamente trasferibili a terzi nel rispetto delle procedure previste per legge per la dismissione di azioni da parte di amministrazioni pubbliche o società partecipate”. Un pubblico che non aspetta altro che travestirsi da privato, quindi.

L’assessore alle Infrastrutture, Giovanni Pistorio è autorizzato a emanare i provvedimenti che servono a raggiungere l’obiettivo. In una lettera di intenti sottoscritta fra Cas e Anas si stabiliscono tempi e modi per arrivare al soggetto unico, pubblico, che si occuperà dell’intera rete autostradale siciliana. Per i cittadini potrebbero, però, verificarsi svantaggi con l’introduzione di nuovi possibili pedaggi (possibili già dalla prossima estate), anche in tratti di autostrada fino ad oggi gratuite, come nell’intera A29 Palermo – Mazara del Vallo o nell’A19 Palermo – Catania.

La Regione detiene il 90,38% del capitale del Consorzio (pari a oltre 33 milioni), le altre quote sono delle ex Province di Catania, Messina, Siracusa e Ragusa, delle Camere di Commercio di Catania, Messina e Siracusa, dei Comuni di Catania, Messina, Siracusa, Barcellona Pozzo di Gotto, Patti, Rosolini, Rosolini, Modica, Gela.

Queste quote (nominalmente pari a meno di tre milioni e mezzo) saranno rimborsate dalla Regione, per confluire poi nel capitale sociale della nuova società in cui si entrerà con una quota del 49% mentre il 51% andrà all’Anas. La nuova società opererà lungo circa 700 chilometri di autostrada. In dote il Cas porterà circa 320 chilometri, compresi quelli in costruzione da Siracusa a Gela, a cui si aggiungeranno altri 83 chilometri: per oltre la metà (quelli della Palermo-Messina e quelli della Messina Catania). L’Anas gestisce poco meno di 400 chilometri: la maggior parte sono quelli della Palermo-Catania, della Palermo- Mazara del Vallo, della Alcamo-Trapani.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.