19 novembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 14.14
Palermo Al ridotto del teatro Biondo

“Geppetto e Geppetto”: in scena dubbi e desideri di una coppia omosessuale

13 novembre 2017

Tindaro Granata è autore, regista e interprete di “Geppetto e Geppetto“, originale e discusso testo, in scena al teatro Biondo di Palermo, sala Strehler, dal 15 al 19 novembre.

Al centro dello spettacolo, co-prodotto da Teatro Stabile di Genova, Festival delle Colline Torinesi e Proxima Res, è il tema della procreazione assistita da parte di una coppia omosessuale.

Insieme a Granata, saranno in scena Alessia Bellotto, Angelo Di Genio, Carlo Guasconi, Paolo Li Volsi, Lucia Rea, Roberta Rosignoli; l’allestimento è di Margherita Baldoni, le luci e i suoni di Cristiano Cramerotti, i movimenti di scena di Micaela Sapienza.

«Geppetto e Geppetto – spiega Tindaro Granata – è nato dalla mia fantasia e dai dubbi della gente che ho incontrato per strada, parlando di figli nati da omosessuali».

Come è stato osservato dalla critica: «Non è uno spettacolo-manifesto, evita ogni sorta di posizioni preconcette o forzature dimostrative. Vuole solo far riflettere, e in questo senso va dritto allo scopo. Cerca di smontare ogni morale precostituita, sia quella conservatrice che quella ritenuta “progressista”».

Protagonisti della vicenda sono Tony e Luca, interpretati da Paolo Li Volsi e Tindaro Granata, che dopo anni di convivenza desiderano diventare padri. Come Geppetto nella favola di Collodi, i due “danno” vita al proprio figlio Matteo (Angelo Di Genio) con la pratica della procreazione G.P.A. (Gestazione per Altri).

I primi anni di vita del bimbo sono pieni di gioia e di spensieratezza, fino quando la morte di uno dei papà induce Matteo, ormai adulto, a chiedere all’altro le ragioni per le quali lo hanno fatto nascere in una famiglia “diversa” e perché lo hanno voluto “a tutti i costi”.

Tindaro Granata, che si è imposto nel giro di pochi anni come una delle voci più libere e intense della scena italiana, affronta un controverso tema di grande attualità senza retorica e senza difendere in modo preconcetto una posizione o l’altra.

Ci tiene semmai a precisare soprattutto che «questo testo è stato scritto dopo aver incontrato, discusso e ragionato, nei bar vicino casa e alla stazione Centrale di Milano, insieme a persone alle quali ho rubato pensieri, dubbi, certezze, paure, stereotipi, dolcezze, comprensioni, rabbia, tolleranza, disinformazione, odio e amore e tante frasi e tante parole».

In epoca di oscurantismi di ritorno, di bigottismi esasperati, di caccia alle streghe del “gender”, di Family Day e stepchild adoption, il lavoro di Granata e del suo gruppo di attori arriva come una boccata d’aria fresca, come un gioco, profondissimo, per affrontare simili argomenti.

Ma la piéce non ha, e non vuole avere, tensioni ideologiche: è una storia di affetti e desideri, di rapporti complessi, di perdite e lutti, di fallimenti e dolori, di padri e di figli che si amano e si detestano, come in ogni famiglia.

Tanti, infine, i riconoscimenti ottenuti dal debutto: il “Premio Hystrio Twister 2017” e il “Premio Nazionale Franco Enriquez 2017”; Tindaro Granata ha ottenuto il “Premio Ubu 2016” nella sezione “Miglior progetto o Novità drammaturgica”; Angelo Di Genio ha vinto il “Premio ANCT 2016” per l’interpretazione di Matteo.

 

  • foto di scena di Patrizia Lanna

 

Tag:
LiberiNobili di Laura Valenti
Una grande scoperta in neuroscienze: il fattore Mozart
Senza che ce ne rendiamo conto, la Scienza continua a evolvere, grazie a menti eccelse come quella di Vincenzo Galatro, docente, autore e ricercatore in Neuroscienze e Psicologia cognitiva, di fama internazionale, massimo esperto mondiale sul cervello di Mozart oltre che enfant prodige.
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...