18 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.02
Agrigento

Visitabili fino al 6 maggio

Gli archi di pane, le straordinarie opere d’arte di San Biagio Platani

10 Aprile 2018

La vostra Patti Holmes vi accompagna a San Biagio Platani (AG) per mostrarvi e celebrare i suoi maestosi Archi di Pane, che dal primo aprile al 6 maggio, si faranno ammirare in tutta la loro magnificenza.

Le origini di questa manifestazione folkloristica e religiosa affondano le radici nel XVII secolo, quando il piccolo centro dell’agrigentino altro non era che uno dei tanti feudi siciliani. A quei tempi gli Archi di Pane venivano esposti in occasione delle feste pasquali per accogliere i grandi feudatari, che andavano a riscuotere tasse e gabelle. I contadini, con l’esposizione di queste vere e proprie meraviglie, volevano non solo rappresentare, dal punto di vista religioso, la vittoria di Cristo sulla morte, ma dimostrare la volontà di uscire dalla condizione di stenti in cui vivevano, con la speranza di un futuro più florido e sereno.

A cominciare dal termine s’intuisce subito quale sia la struttura, che si rifà all’arco trionfale che, nell’architettura basilicale, rappresenta il limite, la soglia di passaggio, dalla navata centrale al transetto dove si svolge il sacro rito. Questa bellissima e festosa tradizione nasce quando le due confraternite, i devoti alla Madonna, “I Madunnara”, con sede nella Chiesa Madre, e al Cristo risorto: “I Signurara”, con sede nella Chiesa del Carmine nei pressi del Calvario, decisero di delimitare lo spazio dove il giorno di Pasqua sarebbe avvenuto l’incontro del Cristo Risorto con la Madre.

archi-di-pane

Passeggiando sotto questa struttura architettonica, che ha la forma di una chiesa composta dall’entrata, dal viale e dall’arco, si ha una sensazione di grande sacralità e raccoglimento; inoltre questa festa celebra anche il risveglio della natura e, infatti, non è un caso che la loro struttura sia mescolanza di frutti, essenze, odori e, soprattutto, di pane, frutto del duro lavoro dei campi, che è l’elemento decorativo per eccellenza.

Una grande comunità, quella di San Biagio Platani, che ha dato origini ad una manifestazione unica nel suo genere, ricca di devozione, cultura e arte a 360 gradi: architettura, pittura, scultura, e altri linguaggi espressivi uniti in un tripudio di bellezza.

Materiali come canne, salici, ramoscelli di ulivo, rosmarino, alloro, arance, si trasformano in cattedrali e in colonnati; pane, uova, zucchero, sale, in decorazioni; mandorle, spighe, granoturco, datteri, fiori e legumi, invece, in mosaici. Questa strabiliante mostra all’aperto, che lascia a bocca aperta i sempre più numerosi visitatori, è realizzata in due rami del corso Umberto I, che è il principale e ha come centro la Chiesa Madre, luogo di incontro tra il Cristo Risorto e la Madonna, portati in processione il giorno di Pasqua dalle rispettive confraternite.

Per vedere e godere di questi capolavori avete tempo fino al 6 maggio. Entrerete in una dimensione fiabesca, e farete felici i vostri bimbi che, sicuramente conoscendo la fiaba di Hansel e Gretel e la famosa casetta di marzapane, staranno col nasino all’insù a guardare questi archi giganteschi e si renderanno conto come la realtà possa superare ed essere più entusiasmante della fantasia

 

PROGRAMMA:

Sabato 14 aprile

Alle 18, musica live con Arcangelo Amella

Domenica 15 aprile

Alle 18, concerto live con i Soul Express

Domenica 22 aprile

Alle 9 – Sotto gli Archi di Pane
Raduno auto d’epoca

Alle 17,30
Gruppo Folkloristico “Kokalos”

Domenica 29 aprile

Alle 18, spettacolo di illusionismo con Danilo Proietti

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.