14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.13

Il messaggio di Natale del governatore dai nostri microfoni

Gli auguri del presidente Musumeci ai Siciliani: “Mafia e rassegnazione i nostri nemici” | VIDEO ESCLUSIVO

24 Dicembre 2018

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA IN ALTO

Di Alberto Samonà, Maurizio Scaglione. 

Un augurio speciale quello che il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci rivolge alle lettrici e ai lettori de ilSicilia.it: un augurio nel segno del recupero delle tradizioni, a partire da quella del Presepe. “Mi auguro che in ogni casa sia stato allestito un presepe: “Un momento per stare insieme, per ritrovare il senso della famiglia, per ripercorrere con la memoria l’infanzia quando facevamo il presepe. Io credo che anche nelle scuole debba esserci il presepe anche in quelle scuole in cui vi sono bambini che professano una fede religiosa diversa. Intanto perché riguarda una famiglia povera e poi perché nessuno può avere paura di Gesù che nasce in una grotta e se mi è consentito, avere rispetto per le religioni altrui non significa vergognarsi della propria”.

In merito alla situazione politica siciliana, Musumeci invita tutti alla riflessione: “La Sicilia è una regione in ginocchio da trent’anni. Il 47 per cento dei siciliani vive nella povertà: ognuno faccia la propria parte, chi nella coalizione di governo, chi nell’opposizione, ma ognuno  faccia ciò per cui ha giurato fedeltà alle istituzioni. Io ho presentato un programma, ho chiesto 5 anni e alla fine mi presenterò al giudizio dei siciliani con ciò che è stato fatto. In questo primo anno ho stanziato col mio governo oltre 3 miliardi di euro che quando diventeranno cantieri saranno visibili a tutti”. 

Infine, gli auguri del presidente: “Salute e serenità a tutte le famiglia, ai Siciliani che vivono in Sicilia e a quelli sparsi nel mondo, affinché ritrovino l’orgoglio della loro appartenenza e affinchè si sconfigga la malapianta della rassegnazione; mafia e rassegnazione sono i nostri nemici”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.