19 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 02.39
Palermo L’evento si celebra in concomitanza con la prima Giornata nazionale contro cyberbullismo

Gli studenti di Palermo e Trapani partecipano al Safer Internet Day

7 febbraio 2017

safer-internetAnche le scuole siciliane partecipano attivamente al Safer Internet Day, l’evento mondiale dedicato al tema della sicurezza in rete, che in Italia si celebra in concomitanza con la prima Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo a scuola.
Tra le tante iniziative che si svolgono nell’Isola quelle che vedono coinvolti a Palermo gli studenti dell’Istituto comprensivo Sciascia dello Zen, uno dei quartieri più difficili della città, e a Trapani i ragazzi del Liceo economico sociale “Rosina Salvo”.

 

Nel capoluogo siciliano gli studenti delle quinte classi della scuola primaria e quelli delle prime classi della scuola secondaria di primo grado si sono confrontati, insieme ai genitori, con esperti e rappresentanti delle istituzioni, tra cui il Garante per l’infanzia e l’adolescenza del Comune di Palermo, Pasquale D’Andrea. Inoltre, sono stati resi noti i risultati dei questionari somministrati ai ragazzi coinvolti in uno specifico progetto antibullismo realizzato al fine di comprendere la percezione del fenomeno nel contesto scolastico.
cyberbullismoNella seconda parte della mattinata gli studenti sono stati protagonisti di un gioco di ruolo nel quale hanno simulato un episodio di cyberbullismo. A differenza di quello che succede spesso nella realtà i ragazzi-spettatori anziché stare a guardare hanno salvato le vittime dai bulli. L’obiettivo è stato quello di far passare il messaggio per cui di fronte a situazioni di questo tipo non si può stare a guardare.

 

“Il cyberbullismo è un fenomeno in aumento ecco perché è fondamentale afferma Cetty Mannino, blogger del sito www.intreccio.eu ed esperta di cyberbullismofornire agli adolescenti, e non solo, gli strumenti per potersi difendere dai rischi del web, in particolare dei social network”.
L’evento è stato patrocinato dal Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Palermo. “In un era in cui le tecnologie hanno sostituito la carta e la penna – afferma Pasquale D’Andrea – bisogna informare e formare i ragazzi, ma anche gli adulti, sui rischi dei new media e sull’importanza di promuovere un uso corretto e responsabile”.

 

A Trapani l’iniziativa è stata fortemente voluta dalla Questura e dalla Preside del Liceo, Giuseppina Messina. La presenza degli agenti del Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Palermo ha qualificato il valore informativo ed educativo dell’iniziativa.
Nell’Aula Magna dell’Istituto i ragazzi del biennio hanno preso parte ad un workshop finalizzato ad illustrare le potenzialità della rete e i rischi connessi ad un utilizzo non consapevole delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione digitale. È necessario, infatti, far maturare tra le nuove generazioni una maggiore consapevolezza e responsabilità al fine di scongiurare i rischi connessi al cyberbullismo, alla violazione della privacy propria e altrui, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all’adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per sé e per gli altri.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...