15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.01

protocollo firmato questa mattina a palazzo d'orleans

Governo, nasce l’osservatorio sull’economia siciliana| VIDEO

10 Settembre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Con la firma del protocollo di oggi, irfifs e Svimez, hanno dato vita all’osservatorio Economico e Sociale sulla Sicilia. Questa mattina è stata indetta la conferenza stampa a Palazzo D’Orleans, dove erano presenti il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, il vicepresidente Gaetano Armao, il presidente dello Svimez nonché ex assessore al Bilancio della Regione Siciliana, Luca Bianchi, e il presidente dell’Irfis, Giacomo Gargano. L’obiettivo di questa iniziativa è identificare le attività che il governo regionale e l’Iris potranno adottare per favorire la creazione  e il rafforzamenti delle imprese, che operano dal prossimo mese di dicembre. L’Attività dell’Associazione per lo Sviluppo dell’Industria nel Mezzogiorno si svolgerà su tre livelli di intervento: realizzazione di analisi quadro e di scenario sull’economia e la società della Sicilia: stima dell’impatto territoriale delle principali misure di politica economica nazionale e regionale; ricognizione dei fabbisogni economici e sociali della Regione per rilanciare il comparto economico e produttivo siciliano.

Presentiamo un’iniziativa piuttosto innovativa- sottolinea il presidente Musumeci  durante la conferenza stampa –  E’ la prima nel  Mezzogiorno. L’Osservatorio consente al governo regionale – spiega Musumeci – di  potere elaborare le proprie strategie sul territorio con un occhio rivolto alle dinamiche della società e del mercato. Permetterà di comprendere come si possano ovviare le problematiche, un termometro  della realtà economica siciliana che ci consente di avere dati  aggiornati e quindi il polso delle situazione”. “E’ uno strumento  preziosissimo che accompagnerà le nostre azioni – aggiunge -. Nasce con l’unica banca Siciliana che è l’Irfis e la Svimez che da mezzo secolo  elabora e studia strategie per il mezzogiorno. Il costo è irrisorio,  circa 30 mila euro l’anno. Il rapporto trimestrale sarà pubblico in maniera tale che possiamo tutti conoscere le dinamiche economico sociali della realtà siciliana – annuncia il Governatore -. Questo ci permettera’ di orientare le risorse verso determinati settori piuttosto che altri. Stiamo riprogrammando il tutto, c’è la necessità di rivedere i progetti, ad esempio alle attività produttive si hanno da ricollocare 80 milioni”.

La collaborazione con Svimez va avanti da tanto tempo“. Spiega ai giornalisti l’assessore regionale dell’Economia, Gaetano Armao. “Stiamo consolidando questo apporto – ha aggiunto -. La Regione con il proprio ufficio statistica fa già analisi, ma adesso ci sarà la possibilità di proiettare meglio  le misure di rilancio dell’economia siciliana. Vogliamo utilizzare  queste previsioni per costruire iniziative e misure per il futuro. L’iter di formazione della legge di stabilita’ e’ gia’ iniziato. Una delle priorità del governo Musumeci – ha spiegato – è quella di adottare tempestivamente gli atti contabili che sono essenziali per una buona amministrazione; lo abbiamo fatto negli anni passati con un solo mese di esercizio provvisorio, quest’anno intendiamo rispettare i tempi. E’ stata diramata la circolare per la redazione del bilancio 2020/22 ed è gia’ stata diramata parimenti la bozza di bilancio, distribuita ai dipartimenti. Aspettiamo le proposte dei diversi dipartimenti che in qualche modo potranno chiedere integrazioni o rimodulazioni degli stanziamenti per poi ripartire con il bilancio, la sessione di bilancio per l’approvazione del bilancio, la legge di stabilità ed un’eventuale provvedimento ordinamentale in relazione alle esigenze che si porranno. Non siamo assolutamente in affanno. Siamo pronti ad approvare i diversi disegni di legge che il governo Musumeci ha presentato oltre che i documenti finanziari”.

Il presidente dello Svimez Bianchi viene accolto con rispetto dal vicepresidente Armao e dal governatore Musumeci, ma occorre ricordare che nella scorsa legislatura egli aveva ricoperto l’incarico di assessore regionale nella giunta Crocetta: collezionando rilievi della Corte dei conti e insuccessi per la tenuta dell’economia siciliana. Un neo sul quale ha tenuto a precisare: “Sono convinto di avere fatto bene nella mia precedente esperienza di  assessore”. Nel 2012, ricordiamo, venne scelto per ricoprire l’incarico di assessore all’Economia della Regione Siciliana da Rosario Crocetta (su indicazione del Pd romano), incarico che mantenne fino al  marzo 2014:  “Il bilancio da me siglato non prevedeva deficit – ha  sottolineato -. Ai tempi feci un’operazione complicata, non rinnego  nulla. Ho cercato di fare il mio lavoro sempre nell’interesse della  Sicilia. Vengo qui a testa alta, credo che quello fu uno dei tentativi  per il risanamento dei conti della Regione“. Peccato che la Sicilia ancora oggi stia pagando quelle scelte economiche.

Infine il presidente dell’Irfis, Gargano:  “Il problema non riguarda solo la quantità di soldi investiti, ma anche  la qualità degli investimenti. Il fondo Sicilia di 84  milioni di euro è fermo da diversi anni – ha spiegato – e lo stiamo  rimettendo a disposizione degli imprenditori siciliani. Non si può  tollerare – ha aggiunto – che un’impresa che magari ha denunciato il pizzo adesso stia ai margini del sistema creditizio. Stiamo lavorando per cercare di portare avanti il programma e l’Osservatorio sarà una lente di ingrandimento per aiutare la Regione e l’Irfis. Gli 84 milioni del fondo Sicilia sono a disposizione di imprese in difficoltà con un tasso dallo 0,1 allo 0,3%. Il fondo è già attivo“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.